Il caso Fiat...Ma insomma

Pillole

Il caso Fiat...Ma insomma

di Giovanni Palombarini

"Insomma. E’ avvenuto che una sentenza ha sancito che il licenziamento da parte della Fiat di tre operai, delegati o iscritti alla Fiom, è stata una rappresaglia antisindacale; e che all’ordine di reintegro dei tre la Fiat ha risposto signornò.

Avviene inoltre che Maurizio Landini vada ripetendo in ogni sede, senza che nessuno lo smentisca, che dalle riassunzioni nello stabilimento di Pomigliano gli iscritti alla Fiom sono costantemente esclusi. Ma insomma.

E’ possibile che rispetto a tali fatti, che violano anche principi fondamentali della Costituzione, nessuno abbia nulla da ridire? Neppure chi ha nel nostro ordinamento un ruolo essenziale di garanzia?

30/03/2012

Articoli Correlati

venerdì 14 maggio 2021, ore 16:30/18:30

"Il nocchiere... in gran tempesta": il giudice e la giustizia del lavoro fra testo normativo e contesto culturale

A partire dalle ore 16:30 di venerdì 14 maggio 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato da Magistratura democratica e Questione Giustizia, dedicato ai temi del giudice e della giustizia del lavoro.

Lavoro e immigrazione

La regolarizzazione dei lavoratori irregolari: una misura urgente e opportuna

Regolarizzare i lavoratori stranieri che versano in condizioni di illegalità, per contribuire al controllo della diffusione della pandemia e restituire piena dignità al lavoro, nel rispetto della legalità e favorendo il contrasto a tutte le mafie

Comunicato Gruppo Lavoro

Luci e ombre del cd «decreto dignità»

Negativa la scelta di non toccare effettivamente l'impianto del contratto a tutele crescenti e negativa la reintroduzione dei voucher in settori ad alto rischio di abuso come l'agricoltura. Positivo l'accento sulla «dignità» dei lavoratori da garantire sottraendola alla concorrenza al ribasso sul costo del lavoro e la reintroduzione di taluni limiti al contratto a termine. Necessario andare oltre perché le norme di legge non sono sufficienti a garantire l'effettività dei diritti e la dignità del lavoro e del lavoratore in assenza di un sistema di controlli effettivo.