Speciale elezioni

Risultati provvisori

di Esecutivo di Magistratura Democratica
"Consensi significativi, Area progetto valido"

DIRETTA- Si sono concluse le operazioni di voto per il rinnovo del Cdc. Questa la ripartizione in base ai risultati provvisori: 12 seggi assegnati a Unicost, 12 ad Area, 11 a Magistratura Indipendente e 1 seggio a Proposta B. All'82,54% il dato dell'affluenza, costante rispetto alla tornata elettorale del 2007. I dati pervenuti dalle sezioni: (AREA - UNICOST - MI - PROPOSTA BRIEPILOGO VOTI DELLE SINGOLE LISTE). Il primo commento da Luigi Marini e Piergiorgio Morosini, presidente e segretario di Md: "Dai dati di cui disponiamo possiamo legittimamente affermare che Area ha ottenuto un buon risultato che conferma la validità del progetto. Siamo primi in almeno nove distretti. Non era un risultato scontato".


IL COMUNICATO (28-02-2012 - 21:49)

"Stanno arrivando gli ultimi dati da alcuni distretti. Mancano Ancona, Bari, Catanzaro, Campobasso e Cagliari. Le analisi approfondite le potremo fare solo nei prossimi giorni. Ma qualche considerazione è possibile formularla da subito.

Dai dati di cui disponiamo possiamo ragionevolmente affermare che Area ha ottenuto un buon risultato che conferma la validità del progetto. Siamo primi in almeno nove distretti, che rappresentano diverse realtà nazionali, tra cui Milano, Palermo, Bologna, Venezia, Lecce e Genova, nonché la Cassazione. Probabilmente, alla fine, saremo la lista che conquista il maggior numero di voti. Ancora non siamo in grado di comprendere quale sarà la distribuzione dei seggi. Dai dati di cui disponiamo pare ormai altamente probabile che non andremo sotto i tredici seggi.

Non era un risultato scontato. La lista unica di Area per il rinnovo del CDC era una novità su cui abbiamo investito molte energie, in alcuni casi superando scetticismi e perplessità.  E’ la prima volta che le candidature  sono frutto di un lungo percorso in cui le realtà territoriali hanno ricoperto il ruolo di protagoniste. Al termine di incontri, assemblee e consultazioni nei vari distretti sono stati indicati coloro che sono considerati i migliori rappresentanti di Area. Sapevamo che questa novità comportava dei rischi elettorali in una competizione basata sul sistema proporzionale. Ma questo metodo di selezione dei rappresentanti fondato sulla effettiva partecipazione “dal basso”, alla fine ha premiato.

Riteniamo che pure questo sia stato un modo concreto per interpretare le esigenze e il sentire di tanti magistrati che chiedono maggiore coinvolgimento nella vita dell’Associazione e per valorizzare sensibilità, storie e professionalità differenti che si ritrovano su alcuni principi di fondo.

Alla fine possiamo dire che la nostra proposta ha raccolto consensi significativi".

           

Piergiorgio Morosini  Luigi Marini

28/02/2012

Articoli Correlati

Editoriale

Dopo lo sciopero, oltre lo sciopero restiamo uniti


Crediamo nelle ragioni dello sciopero e ci siamo impegnati per la sua riuscita.

Ordinamento

Riforma della giustizia - Le proposte di Magistratura democratica


È vitale che la magistratura rinsaldi i legami con la società civile, alleato insostituibile per l’affermazione della legalità, della tutela dei diritti e per l’esercizio sereno e indipendente della giurisdizione.

Comunicati

Md sulle riforme: una lettera al presidente dell’Anm


Magistratura democratica ha inviato una lettera al presidente dell’Anm Giuseppe Santalucia, sulle riforme attualmente in discussione in Parlamento.

Referendum e CDC

ANM: la responsabilità della rappresentanza


Magistratura democratica esprime profondo rammarico per gli esiti del CDC dell’ANM del 5 e 6 febbraio 2022.

Comunicati

Referendum ANM, 27-28 gennaio 2022

Magistratura democratica ha deciso di affidare ad un breve video le considerazioni più chiare e dirette sui quesiti del referendum promosso dall’ANM per il 27 e 28 gennaio.

ANM e riforme in cantiere

Sulla mozione del CDC relativa ai criteri di nomina per gli incarichi semidirettivi

Competenze organizzative e attitudini direttive devono restare, per il governo autonomo, i principali parametri sulla cui base orientare la scelta di quanti saranno chiamati a ricoprire incarichi direttivi e semidirettivi. Occorre tuttavia rendere questi incarichi effettivamente temporanei, con successivo ritorno alle funzioni ordinarie, per un periodo di tempo non simbolico. Una misura, questa, che potrà contribuire a produrre, nel corpo della magistratura, quel cambiamento culturale e di costume deontologico divenuto, oggi, quanto mai necessario: restituire al quotidiano esercizio delle funzioni giudiziarie quella centralità e quella nobiltà che la Costituzione loro assegna.

sabato 20 marzo 2021, ore 9:30/12:30

Dalla crisi e dalle cadute nel governo della magistratura all’attacco alla giurisdizione

A partire dalle ore 9:30 di sabato 20 marzo 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato da Magistratura democratica, dedicato ai temi della Crisi e delle cadute nel governo della magistratura e degli attacchi alla giurisdizione.

Associazione Nazionale Magistrati

Unità associativa e rinnovamento

L’unità associativa non è un’insegna utile a celare pratiche consociative o ripiegamenti corporativi, ma un valore da perseguire attraverso la condivisione di un progetto di rinnovamento, che porti avanti una riflessione sulle ragioni più profonde della crisi della magistratura, aprendo una fase nuova per l’associazionismo giudiziario. In uno sforzo di riflessione collettiva, critica ed autocritica, che superi atteggiamenti di autoreferenzialità e preoccupazioni tattiche o di parte.

Associazione Nazionale Magistrati

Verso le elezioni del Comitato direttivo centrale

Il futuro dell’ANM e del CSM è legato ai valori del pluralismo culturale, della rappresentanza e della parità di genere. Solo così l’Associazione e il sistema dell’autogoverno potranno ritrovare fiducia e autorevolezza tra i magistrati e nell’opinione pubblica