Mozione sulla Turchia

Speciale XXI Congresso

Mozione sulla Turchia

di Esecutivo di Magistratura Democratica

La notte della democrazia in Turchia si è manifestata ulteriormente ieri con l’arresto di un nutrito gruppo di parlamentari di opposizione, di quel partito che aveva impedito all’attuale governo di ottenere la maggioranza assoluta prima della ripetizione delle elezioni, che rappresenta oltre il 10% degli elettori e che esprime agli occhi degli osservatori internazionali la ricerca di una soluzione pacifica alla questione curda e di una visione progressista della società turca.

La valanga che ha travolto lo Stato di diritto in Turchia dopo il tentativo di colpo di Stato del luglio scorso ha determinato l’arresto e la destituzione di migliaia di giudici e pubblici ministeri (circa un terzo dell’intera magistratura), insieme ad avvocati, giornalisti, professori, appartenenti alle forze di polizia, funzionari pubblici, tutti qualificati come terroristi o fiancheggiatori del terrorismo.

Pochi giorni fa è stato arrestato Murat Arslan, presidente di Yarsav, l’associazione professionale di magistrati componente, come MD, di MEDEL, sciolta con decreto governativo ed i cui aderenti sono stati inseriti nella lista di magistrati predisposta a livello centrale per l’arresto e la detenzione preventiva, che si prolunga per molti di loro dal luglio scorso.   
E’ davvero difficile apprezzare le basi giuridiche e gli elementi di prova a carico degli arrestati, in una condizione di stato d’emergenza prolungato e prorogato, che impedisce o limita fortemente agli arrestati anche i colloqui con i propri legali e con i propri familiari, in un contesto di sovraffollamento carcerario e di ingiustificata compressione di tutti i diritti di difesa.

MD, riunita a Bologna nel suo XXI Congresso:
- denuncia la deriva totalitaria della Turchia, paese mediterraneo di tradizione laica e democratica, con cui esistono stretti rapporti e legami culturali ed economici;
- esprime rammarico per l’interruzione del dialogo tra colleghi ed esperti  nel quadro del processo di integrazione europea;
- esprime preoccupazione, sdegno e dolore per l’incarcerazione di migliaia di magistrati, avvocati, giornalisti ed ora anche parlamentari, senza garanzie, senza diritti di difesa, senza rispetto delle regole del giusto processo;
- chiede che le istituzioni europee rompano l’assordante silenzio tenuto sinora sulla tragica demolizione dei principi di separazione dei poteri e di indipendenza della magistratura in Turchia.

Una forte parola dell’Europa, delle istituzioni che la animano, dei popoli che la compongono, deve raggiungere, in questo momento drammatico, tutto il popolo turco che speriamo ancora di accogliere nella famiglia europea per progredire insieme in un quadro di democrazia rispettosa dei diritti umani e di tutti i fondamentali diritti di libertà.

ALLEGATI:

06/11/2016

Articoli Correlati

I fatti di Santa Maria Capua Vetere

L’ennesimo tradimento della democrazia

Le immagini dei pestaggi nel carcere di Santa Maria Capua Vetere ci richiamano alla necessità di porre al centro della riflessione i temi della tortura, della violenza di polizia e dell’uso eccessivo della forza da parte chi detiene il monopolio della violenza. Nella convinzione che, in questo campo, la prevenzione degli abusi passi anche attraverso una ri-costruzione culturale, politica e simbolica del concetto di "ordine pubblico", oltre che per un serio ripensamento dei modelli organizzativi delle agenzie di polizia. 

venerdì 12 marzo 2021, ore 16:00/18:00

Trattamento rieducativo e giustizia riparativa: per una nuova penalità

A partire dalle ore 16:00 di venerdì 12 marzo 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato dalla Sezione di Firenze di Magistratura democratica, dedicato ai temi del Trattamento rieducativo e della giustizia riparativa.

Il carcere, il virus e noi

Per una penalità umana, diversa e differenziata

Anche nell’attuale situazione di grave crisi sanitaria restano numerosi i detenuti che scontano pene irrisorie, non potendo accedere ad alternative al carcere soltanto perché privi di risorse, a partire da un’abitazione. Queste condizioni di marginalità sociale, troppo frequenti nel carcere, impongono di immaginare una penalità diversa e differenziata, a partire dalla struttura dei reati e dalle ipotesi di sanzione, per arrivare a modelli penitenziari alternativi alla prigione. Rispondere solo con le parole "più carcere" e "più carceri’" significa, infatti, chiudere gli occhi davanti ad una realtà, qual è quella attuale, che troppo spesso vede le prigioni soltanto come luoghi per immagazzinare corpi, senza concrete e realistiche possibilità di risocializzazione.

Carcere e coronavirus

Sulle scarcerazioni non ci siamo pentiti

Riccardo De Vito, presidente di Magistratura democratica: "Purtroppo la prigione, da un punto di vista oggettivo, realizza ancora una funzione di 'smaltimento' della povertà colpevole. Molti poveri, non necessariamente stranieri, sono tagliati fuori da tutto. È necessario creare dimore sociali e favorire l’ulteriore finanziamento di un progetto della Direzione generale dell’esecuzione penale esterna e di Cassa Ammende, finalizzato a trovare risorse e posti per i senza fissa dimora. Chissà che dalla positiva sperimentazione del progetto non possa uscire una diversa filosofia della pena e dei luoghi di espiazione".

Europa e coronavirus

Emergenza sanitaria in carcere: l'appello al Consiglio d'Europa

Il Consiglio d’Europa, nell'attuale situazione di grave crisi sanitaria, deve dare impulso a politiche che possano portare a una rapida riduzione del numero dei detenuti. A tutela dei diritti fondamentali di questi ultimi e della salute pubblica