Sull’incriminazione dei Giudici della Corte penale internazionale

Comunicati

Sull’incriminazione dei Giudici della Corte penale internazionale


Magistratura democratica si unisce con convinzione alle tante voci che in queste ore, dalla magistratura associata alla politica e alla società civile, stanno esprimendo una severa e ferma condanna dell’incriminazione emessa dal Comitato investigativo della Federazione Russa nei confronti di Rosario Aitala e di Karim Khan, rispettivamente Giudice e Procuratore della Corte penale internazionale.


Si tratta di una incriminazione evidentemente illegale dal punto di vista del diritto internazionale e internazionale penale. Una pura e semplice ritorsione politica ‒ da parte di uno Stato aggressore e illegittimamente occupante uno Stato sovrano ‒ per il mandato di arresto emesso il 17 marzo scorso dalla Corte, organo giudiziario autonomo e universale, nei confronti del Presidente Putin e della difensora civica dei minori, Maria Lvova-Belova, accusati della deportazione di migliaia di bambini ucraini.


Non è la prima volta che una Superpotenza mondiale (ricordiamo che non solo la Federazione Russa ma anche la Cina e gli Stati Uniti d’America figurano tra i Paesi che non hanno mai ratificato lo Statuto di Roma, istitutivo della Corte, e che non ne riconoscono l’autorità) cerca di intimidire la Corte a seguito di indagini avviate nei suoi confronti.


Lo stesso fece la precedente amministrazione statunitense nel 2020, con l’imposizione di sanzioni economiche contro la ex Procuratrice della Corte, Fatou Bensouda, per le indagini avviate sulle forze armate statunitensi per crimini di guerra commessi in Afghanistan (sanzioni successivamente revocate dall’amministrazione Biden).


Se c’è una cosa che l’aggressione criminale condotta dalla Federazione Russa contro l’Ucraina può e deve mettere sotto gli occhi della comunità internazionale, è proprio l’indispensabilità di una giurisdizione universale penale sui crimini di guerra, contro l’umanità e contro la pace.


Le pretese degli Stati di ritagliarsi spazi di immunità anche in caso di commissione di crimini internazionali, e le conseguenti correnti alterne con le quali alcuni di essi si fanno fautori o detrattori della Corte penale, sino ad arrivare a inammissibili intimidazioni per acta iure imperii, rappresentano retaggi sovranisti non sostenibili nell’era globale, nella quale c’è invece urgente  bisogno di una accountability universale degli Stati, per la stessa preservazione dell’ambiente, della specie umana e delle sue libertà fondamentali.


In una stretta alleanza con MEDEL, Magistratura democratica pone il tema della Rule of Law europea e globale al centro delle priorità di politica giudiziaria e quale fondamentale spinta di contrasto alle crescenti pulsioni dei sovranismi per limitare, anche all’interno dell’Unione, l’indipendenza delle magistrature europee e per imporre riforme normalizzatrici che impediscano alle giurisdizioni l’efficace tutela dei diritti umani.


Esprimiamo pertanto tutta la nostra solidarietà ai magistrati della Corte penale internazionale e auspichiamo che l’avventatezza e la spregiudicatezza di questa mossa siano oggetto di una ferma condanna anche da parte della Comunità internazionale, dell’Unione europea e delle Nazioni unite.


Le giurisdizioni nazionali devono essere indipendenti dal potere politico e il loro obiettivo non può che essere quello di affermare sempre, in un regime di complementarietà con le giurisdizioni sovranazionali,  le ragioni della pace e del diritto,  mentre non possono e non devono  essere usate come armi politiche nei conflitti tra Stati, la cui soluzione deve necessariamente passare attraverso canali diplomatici.

 

22/05/2023

Articoli Correlati

Comunicati

A sostegno dei magistrati della Procura e della Corte penale internazionale


Lo Statement emesso il 20 maggio 2024 dal Procuratore presso la Corte penale internazionale, con il quale annuncia di avere depositato alla sezione predibattimentale della Corte la richiesta di mandati d’arresto relativi alla situazione dello Stato palestinese, è stato oggetto di un fuoco di fila politico-mediatico di fronte al quale Magistratura democratica, come associazione indipendente di magistrati, non può tacere.

Nota della Presidente di Magistratura democratica

Gli effetti dell’allargamento dell’elenco dei “Paesi sicuri”


La Presidente di Magistratura democratica, Silvia Albano, ha diffuso una nota in cui si spiegano gli effetti pratici del decreto ministeriale 7 maggio 2024 con il quale è stato allargato l’elenco dei Paesi sicuri a ulteriori Paesi (indicati all’inizio del testo), includendo così i Paesi di origine da cui proviene la maggioranza dei migranti.

Comunicati

Il carcere: tra dignità umana e rieducazione


Il tasso di sovraffollamento, il numero di suicidi, le criticità nell’assistenza sanitaria espongono le persone detenute e quelle che in carcere lavorano a una quotidianità che rischia di porre in discussione i diritti fondamentali della persona e compromettere la funzione di reinserimento sociale che la Costituzione indica come coessenziale all’esecuzione delle pene.  

Comunicati

25 Aprile, Costituzione, giurisdizione


Il fascismo fu anche giurisdizione.


Fu il Tribunale speciale per la difesa dello Stato istituito nel 1926 (e ricostituito nella Repubblica sociale italiana) che inflisse agli antifascisti decine di migliaia di anni di reclusione, confino, sorveglianza speciale di polizia.


Fu il “servile e osannante conformismo” (parole di Umberto Terracini, presidente dell’Assemblea Costituente) condiviso da una parte della magistratura e da buona parte delle “alte magistrature” immortalate nella cronaca dell’apertura dell’anno giudiziario del 1940 mentre acclamano il duce che riceve i capi degli uffici giudiziari a Palazzo Venezia.


La democrazia costituzionale esige che il quadro normativo che regola lo svolgimento della funzione giusrisdizionale non diventi lesione del ruolo costituzionale della giurisdizione; e che, nell’intera loro attività, i magistrati riescano a “essere la Costituzione” rifiutando il conformismo, non nelle sue ultime e drammatiche esternazioni ma sin dalle sue prime manifestazioni.