Sulle misure di emergenza per la pandemia da Covid-19

MEDEL

Sulle misure di emergenza per la pandemia da Covid-19

Mai, come in un periodo di emergenza, deve essere mantenuto un elevato livello di vigilanza e controllo sulle violazioni dei diritti e delle libertà fondamentali. Da parte di tutti: Istituzioni politiche, tribunali e intera comunità giuridica europea

Gli ultimi mesi e settimane hanno sconvolto il mondo che conoscevamo.

Migliaia di persone hanno già perso la vita a causa della pandemia causata dal Covid-19, molte altre stanno combattendo contro la malattia; tutti viviamo nella paura dei rischi per la nostra salute e per quella dei nostri cari.

Una inevitabile crisi economica colpirà tutti e dovremo fare i conti con una diffusa disoccupazione e situazioni di estrema povertà per molti.

Affrontiamo questa nuova realtà con paura, ricordando una storia non così lontana, soprattutto la crisi economica negli anni ‘30 del secolo scorso, che è stata il terreno di coltura del populismo e del nazionalismo, sfociati nella grande tragedia della seconda guerra mondiale.

Questa esperienza ci ha dato consapevolezza della necessità della collaborazione e della solidarietà internazionale, del ruolo cruciale della democrazia, della separazione dei poteri e dei diritti umani.

Assistiamo con grande preoccupazione a restrizioni dei diritti umani in quasi tutti i paesi europei.

La più grave minaccia per la democrazia in Europa è rappresentata, in particolare, dai recenti eventi in Ungheria, dove tramite decreto si è attribuito un potere illimitato al governo, senza termine e senza possibilità di ulteriore controllo del Parlamento.

Sono stati introdotti nuovi reati, prendendo di mira in particolare i giornalisti, limitando così il diritto dei cittadini all’informazione, in violazione dell’art. 10 della Convenzione Europea dei diritti dell’Uomo.

Ci opponiamo anche alle azioni del governo polacco che, premendo per tenere le elezioni presidenziali il 10 maggio 2020, mette a rischio la salute e la vita di milioni di cittadini per l’interesse politico del partito al potere. Allo stesso tempo, vengono introdotte nuove caotiche leggi che limitano significativamente i diritti e le libertà dei cittadini.

MEDEL ricorda che, nonostante l’ovvia necessità di introdurre misure straordinarie durante la pandemia, tali misure devono essere proporzionate e limitate nel tempo. I cittadini hanno diritto alla tutela dei diritti fondamentali anche – e soprattutto – in caso di emergenza. Questi diritti possono essere limitati per evitare una minaccia e devono cessare nel momento in cui la minaccia termina. Come afferma l’art. 15 della Convenzione Europea dei diritti dell’Uomo, in caso di emergenza che minacci la vita della nazione, ogni Alta Parte contraente può adottare misure in deroga ai suoi obblighi ai sensi della Convenzione nella stretta misura in cui la situazione lo richieda, a condizione che tali misure non siano incompatibili con gli altri obblighi previsti dal diritto internazionale.

Mai come in un periodo di emergenza, il ruolo dei tribunali indipendenti è essenziale per proteggere i diritti e le libertà fondamentali dei cittadini da qualsiasi tipo di abuso.

MEDEL invita le istituzioni europee – in particolare il Consiglio d’Europa e la Commissione europea – ad esercitare un monitoraggio ancora più attento del livello di protezione dei diritti umani nei paesi europei.

MEDEL invita, inoltre, l’intera comunità giuridica europea, comprese le organizzazioni per i diritti umani, le associazioni di avvocati, magistrati e accademici, a porsi al servizio delle persone che subiscono violazioni dei loro diritti fondamentali e a mettere in guardia verso ogni abuso da parte di autorità che si avvantaggiano della pandemia.

06/04/2020

Articoli Correlati

Noi e Medel

Ricorso associazioni giudici europei a Corte UE su PNRR Polonia: "chiediamo efficace tutela dell'indipendenza dei giudici"


Quattro organizzazioni europee di giudici citano in giudizio il Consiglio dell'UE per aver ignorato le sentenze del Tribunale dell'UE nella decisione di sbloccare i fondi alla Polonia.

Noi e Medel

La lettera della Platform for an Indipendent Judiciary in Turkey


La lettera della Platform for an Independent Judiciary in Turkey del 15 luglio 2022 indirizzata a 


Presidente della Commissione Europea,  Ursula von der Leyen, 
Commissario Europeo per il Vicinato e l’allargamento, Olivér Várhelyi 
Commissario Europeo per la Giustizia, Didier Reynders 
Presidente del Consiglio  Europeo, Charles Michel 
Presidente del Parlamento Europeo, Roberta Metsola 
Segretario Generale del Consiglio d’ Europa, Marija Pejčinović Burić 

Noi e Medel

Appello dei magistrati europei al presidente della Repubblica francese per ricostituire lo stato di diritto in Polonia


Signor Presidente, 
il 9 marzo, in occasione della presidenza francese dell’Unione Europea, una delle organizzazioni firmatarie ha scritto al Suo Ministro di Giustizia per metterlo a conoscenza dell’importanza di intervenire con decisione per lo stato di diritto e l’indipendenza del potere giudiziario in un momento in cui tali pilastri sono sottoposti a offensive eccezionali in alcuni Stati Membri dell’Unione, in particolare in Ungheria e Polonia. 

Noi e Medel

23 maggio - Giornata di allerta per l'indipendenza della giustizia


Ancora una volta Medel celebra il 23 maggio come Giornata di Allerta per l'Indipendenza della Giustizia, ricordando che l'indipendenza del Potere Giudiziario è la pietra angolare di ogni società libera e democratica.

Noi e Medel

Medel continuerà a osservare gli sviluppi in Turchia e i processi presso la Corte EDU a tutela dei magistrati turchi


La dichiarazione di Medel ( Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertées) sul rigetto da parte della Corte Edu del rinvio alla Grande Camera del caso Turan e altri.