Un’occasione per riflettere sull’uso delle parole

Immigrazione

Un’occasione per riflettere sull’uso delle parole


L'esecutivo di Magistratura democratica ritiene necessario interrogarsi sulla tragedia delle morti in mare dei migranti, ma anche sul linguaggio, incluso quello dei provvedimenti giudiziari, con cui questi tragici avvenimenti vengono affrontati.

 


Questa è dunque, anche per noi, un’occasione per riflettere sull’uso delle parole e sul loro potere.


Per tornare a ragionarne insieme, vogliamo partire dal bell’articolo di Luciana Breggia, pubblicato su Questione Giustizia nel novembre 2022, dal titolo: “Per un linguaggio non ostile dentro e fuori il processo. Il potere delle parole. Avere cura delle parole”.


Luciana, riprendendo l'esperienza degli Osservatori della giustizia civile, ci ricorda che il giurista ha il potere di «fare cose con le parole», perché è con i nostri provvedimenti che il mondo della giustizia viene comunicato all’esterno.


Occorre, quindi, avere grande cura delle parole.


In primo luogo perché siano chiare, posto che la comprensione dei provvedimenti giudiziari da parte del cittadino rende possibile il controllo dell’opinione pubblica sulla decisione.


Poi, al fine di essere consapevoli che il ragionamento è al servizio dell'analisi dei fatti umani, che sono governati dalle emozioni; comprenderlo, senza sfoggio di peculiare acume o capacità esegetiche, è esattamente la via più piana per evitare di restare intrappolati in stereotipi e mostrare il dovuto rispetto per le drammatiche vicende sulle quali siamo chiamati a pronunciarci.


Il rispetto per le persone - e per la funzione stessa del magistrato - si esprime anche attraverso l’uso misurato e pertinente delle parole.

02/03/2023

Articoli Correlati

Comunicati

Disciplinare a tutti i costi


Poco più di un anno fa il ministro Nordio chiese alla Procura Generale di promuovere un’azione disciplinare nei confronti di un collegio di giudici di Milano che avevano sostituito la misura della custodia cautelare in carcere con la misura degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico nei confronti di un cittadino russo, poi evaso.

Comunicati

Domani potrebbe essere qualunque magistrato


Il Consiglio superiore della magistratura ha deliberato di non riconoscere la settima valutazione di professionalità a Emilio Sirianni. 

Comunicati

La Festa della Repubblica, i pericoli per la Repubblica


Il 2 giugno 1946 gli italiani e, per la prima volta, le italiane andarono alle urne e scelsero la Repubblica. Le frontiere di questa nuova patria erano state tracciate dalla Resistenza e furono poi messe in sicurezza dalla Costituzione. Non si tratta dei confini territoriali, perché la Repubblica nata dalla lotta al nazifascismo si è da subito dichiarata terra d’asilo per tutti gli stranieri ai quali nei paesi di origine è impedito l’esercizio delle libertà democratiche e ha consentito le limitazioni di sovranità necessarie a creare un ordinamento internazionale di pace e giustizia. Due guerre mondiali avevano insegnato che ogni frammento della Terra doveva essere casa per qualsiasi essere umano.

Comunicati

Sui rapporti tra attività d’indagine e inchieste parlamentari


Abbiamo appreso, da organi di stampa, che la Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie ha richiesto, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova, gli atti del procedimento che ha condotto, tra l’altro, all’applicazione di una misura custodiale domiciliare nei confronti del Presidente della Giunta della Regione Liguria. 

Comunicati

A sostegno dei magistrati della Procura e della Corte penale internazionale


Lo Statement emesso il 20 maggio 2024 dal Procuratore presso la Corte penale internazionale, con il quale annuncia di avere depositato alla sezione predibattimentale della Corte la richiesta di mandati d’arresto relativi alla situazione dello Stato palestinese, è stato oggetto di un fuoco di fila politico-mediatico di fronte al quale Magistratura democratica, come associazione indipendente di magistrati, non può tacere.