Un’occasione per riflettere sull’uso delle parole

Immigrazione

Un’occasione per riflettere sull’uso delle parole


L'esecutivo di Magistratura democratica ritiene necessario interrogarsi sulla tragedia delle morti in mare dei migranti, ma anche sul linguaggio, incluso quello dei provvedimenti giudiziari, con cui questi tragici avvenimenti vengono affrontati.

 


Questa è dunque, anche per noi, un’occasione per riflettere sull’uso delle parole e sul loro potere.


Per tornare a ragionarne insieme, vogliamo partire dal bell’articolo di Luciana Breggia, pubblicato su Questione Giustizia nel novembre 2022, dal titolo: “Per un linguaggio non ostile dentro e fuori il processo. Il potere delle parole. Avere cura delle parole”.


Luciana, riprendendo l'esperienza degli Osservatori della giustizia civile, ci ricorda che il giurista ha il potere di «fare cose con le parole», perché è con i nostri provvedimenti che il mondo della giustizia viene comunicato all’esterno.


Occorre, quindi, avere grande cura delle parole.


In primo luogo perché siano chiare, posto che la comprensione dei provvedimenti giudiziari da parte del cittadino rende possibile il controllo dell’opinione pubblica sulla decisione.


Poi, al fine di essere consapevoli che il ragionamento è al servizio dell'analisi dei fatti umani, che sono governati dalle emozioni; comprenderlo, senza sfoggio di peculiare acume o capacità esegetiche, è esattamente la via più piana per evitare di restare intrappolati in stereotipi e mostrare il dovuto rispetto per le drammatiche vicende sulle quali siamo chiamati a pronunciarci.


Il rispetto per le persone - e per la funzione stessa del magistrato - si esprime anche attraverso l’uso misurato e pertinente delle parole.

02/03/2023

Articoli Correlati

Comunicati

Libertà costituzionali e ordine pubblico


Ieri mattina, a Pisa, reparti della Polizia di Stato in assetto antisommossa hanno impedito a un corteo di studenti riunitosi in via San Frediano, davanti al liceo artistico Russoli, per una manifestazione di solidarietà nei confronti della popolazione palestinese, di accedere a piazza dei Cavalieri, adottando la cosiddetta “carica di alleggerimento” nel corso della quale diversi manifestanti sono stati colpiti con manganellate e  hanno subìto lesioni personali.

Comunicati

Non possiamo tacere, non vogliamo restare inerti


Ormai non è in gioco solo la dignità dei detenuti, si tratta di preservare la loro stessa vita. 

Comunicati

La necessità della pace. La necessità del diritto


Dinanzi a situazioni che violentano e terrorizzano i popoli e scuotono le coscienze e il senso di umanità più elementare, nessuna persona può girare lo sguardo altrove: men che meno i giuristi, per quanto complesse e intricate siano le questioni che chiamano in causa non solo la politica e l’etica, ma anche il diritto, portatore di razionalità, di equilibrio e di moderazione nella regolazione dei rapporti di forza al fine di evitare la deflagrazione e l’aggravamento di conflitti sino ad esiti catastrofici per il mondo intero.

Comunicati

Discrezionalità e regole: quale peso per gli indicatori attitudinali specifici?


Riflessioni a margine della nomina del Presidente del Tribunale di sorveglianza di Roma.

Comunicati

Giudici oggi: ruolo scomodo, ma necessario ad un sano equilibrio costituzionale


La decisione delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione di chiedere la verifica di conformità al diritto UE di alcune norme del decreto Cutro conferma che gli attacchi nei confronti della giudice Apostolico erano privi di senso anche sul piano giuridico.