Commento

Bella giornata per i diritti

Da Firenze a Roma

Ieri e stata una bella giornata per i diritti e per il Paese. I presidenti delle due Camere, in linea con la loro storia professionale, hanno posto al centro dei discorsi di insediamento i temi legati alla  tutela dei diritti, all'attenzione verso più deboli, alla legalità. Sono parole importanti che danno speranza e si rivolgono a tutti. Ma è stata una bella giornata anche perché a Firenze, intorno a don Luigi Ciotti, in memoria delle vittime della mafia e della violenza si sono ritrovate 150 mila persone, tanti giovani e ragazzi. Per non dimenticare e per chiedere giustizia.

Noi eravamo con loro.

Anna Canepa e Luigi Marini per tutta Magistratura democratica

(17 marzo 2013)

17 marzo 2013
Ultimi articoli
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo
In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci
In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)