Intervista Canepa

"Veti e accordi al ribasso sul Csm no a giochi politici"

*intervista pubblicata su "La Repubblica" del 14 settembre 2014

ROMA - Anche i magistrati trattano per la vicepresidenza del Csm? «Lo escludo decisamente. Queste insinuazioni fanno male al dibattito istituzionale. Siamo preoccupati per questo ritardo e per i veti reciproci e gli accordi al ribasso». Anna Canepa, segretaria di Magistratura democratica, manifesta il suo sconcerto sulla trattativa per Csm e Consulta.

E vero o no che proprio voi di Md state mettendo un veto sulla vice presidenza del Pd Legnini? «Assolutamente no. Non sappiamo ancora chi saranno i consiglieri laici eletti. Solo quando la compagine sarà completa il plenum potrà votare e deciderà chi potrà ricoprire al meglio questo importante ruolo. Non vi sono pre-clusioni».

Non ponete neppure condizioni che potrebbero escludere il candidato che viene direttamente dal governo Renzi?
«Chiunque si candidi alla vicepresidenza dovrà garantire l'indipendenza della magistratura e avere consapevolezza del ruolo costituzionale del Csm».

La politica non può dirvi chi dovete votare? «Ma che domanda mi sta facendo? Noi siamo magistrati e scegliamo in piena autonomia come abbiamo sempre fatto».

Sia sincera, che impressione le ha fatto sentire che il Pd ha indicato il nome del vicepresidente?
 «È prassi che chi propone i propri candidati ritenga idoneo per il vertice uno di questi. Poi i consiglieri eletti valuteranno il profilo più idoneo da scegliere».

Da cittadina come giudica questo ritardo e il metodo spartitorio per selezionare i candidati dopo le accuse fatte a voi per il correntismo?
«Noi abbiamo innovato profondamente il metodo di selezione dei candidati attraverso le primarie. Quello che sta accadendo riguarda da esclusivamente la politica. Nulla di nuovo sotto il sole. Peccato».

Dopo la riduzione delle ferie e gli slogan di Renzi nei vostri confronti come giudicail comportamento del Pd?
«Come tutti i cittadini abbiamo riposto grande speranza nella nuova stagione. È una grande occasione per il Paese. Il problema non sono le ferie. I tribunali sono sempre aperti. I magistrati sono di turno e depositano sentenze anche ad agosto. Sarebbe stato meglio discuterne, avremmo potuto contribuire in modo costruttivo. Quanto ai toni usati, non guardano al futuro, ma richiamano il passato».


(14/09/2014)

14 settembre 2014
Ultimi articoli
In ricordo.

In quella voragine è finita anche una parte dello Stato

di Stefano Musolino
La voragine di Capaci ci sollecita a non perdere mai il senso dello Stato e a non restare intrappolati tra tentazioni carrieristiche, timori reverenziali, atteggiamenti burocratici ed individualismi esasperati
Turchia.

Lettere dai magistrati turchi

Il 23 maggio è la giornata di sensibilizzazione per l'indipendenza della giustizia in Europa. Pubblichiamo la traduzione in dodici lingue delle Letters from the Turkish Judiciary edite in e-book da Medel, impressionante testimonianza dell'incredibile accelerazione della caduta dello Stato di diritto in Turchia
Polonia.

WeDisagree. La voce dei giuristi polacchi

Il video raccoglie le voci dei giuristi polacchi, che esprimono la loro opposizione a quello che sta succedendo il Polonia: “la nostra comune casa democratica viene smantellata da coloro che sono al potere, pezzo dopo pezzo, in violazione della nostra Costituzione e dello stato di diritto”
Sulla proposta di riforma.

Separazione delle carriere: a rischio l’indipendenza del Pubblico ministero

La riforma è contraria ai principi affermati in ambito europeo che incoraggiano l'autonomia del pubblico ministero come presupposto dell'indipendenza di tutto il potere giudiziario, per una giustizia equa, imparziale ed efficiente
Polonia.

Nuova procedura di infrazione per le riforme sulla giustizia

di Mariarosaria Guglielmi
Dichiarazione di Medel sulla procedura d’infrazione della Commissione Europea contro la Polonia per il nuovo sistema disciplinare dei magistrati, contrario al principio di indipendenza della magistratura
Liberazione.

Il senso dell’unità antifascista e costituzionale del 25 aprile

La giornata della memoria antinazista e antifascista assume quest’anno un significato più forte, come risposta a quanti in Italia e in Europa predicano teorie contrarie alla nostra Costituzione e rivendicano scelte di negazione dei diritti