Proroga Opg

Rinvio non meraviglia

Si usi per interventi necessari

a cura di Redazione

Magistratura democratica prende atto che il Governo ha prorogato di dodici mesi la chiusura degli OPG (foto Next New Media - Antigone). Subito il provvedimento è stato criticato da Psichiatria Democratica.

MD auspica che questi ulteriori dodici mesi, sia pure fra le tante emergenze del paese, siano spesi dalle Regioni per realizzare le strutture che sappiano accogliere, nel rispetto della dignità umana, i cittadini finora internati negli OPG. Ad oggi, i lavori sono lungi dall’essere terminati. Ma soprattutto i Dipartimenti di salute mentale devono prendere in carico gli internati e i soggetti che verranno dimessi dalle strutture esistenti e  predisporre i Progetti Terapeutico Riabilitativi individuali, anche per favorire il ricorso a misure di sicurezza non detentive alternative all’OPG (come prevedono le sentenze della Corte Costituzionale ).


Ma la tutela dei diritti degli internati merita una ben più ampia riforma che tenga conto della legislazione penale e penitenziaria ancora vigente, da rendere ad esempio compatibile con la gestione esclusivamente sanitaria delle nuove strutture. Deve essere riformato il sistema penale dell’imputabilità e delle misure di sicurezza, superando l’approccio culturale che lega indissolubilmente malattia mentale e violenza, cura e contenimento.


Con la presa in carico del servizio sanitario devono essere riviste le competenze della magistratura di sorveglianza, tutte fondate sul rapporto esclusivo con l’amministrazione penitenziaria. Insomma, c’è un tempo per distruggere e uno  per costruire  e oggi si impongono non solo nuovi istituti di accoglienza ma  anche nuove strade per il rispetto della dignità umana dei malati e per la cura della loro malattia.


LEGGI ANCHE: IL COMMENTO E alla prossima scadenza? di Luigi Marini / Seminario di Md a Napoli / Voto Senato


(27 marzo 2013)

26 marzo 2013
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore