Pillole

Considerazioni sul referendum

di G. Palombarini

di Giovanni Palombarini

E’ vero, Stefano Rodotà e il nostro Mimmo Gallo, con altri,  lo avevano scritto a chiare lettere: l’inammissibilità del referendum era largamente prevedibile se non addirittura scontata (anche se qualche giurista importante era di opinione diversa). Come è  vero che la corte costituzionale va difesa, essendo stata in questi anni un punto di resistenza forte al “berlusconismo”, anche se qualche comportamento di qualche giudice è apparso in passato inopportuno. Come è vera  - e meritevole di riflessione -  la circostanza che il referendum proposto da Passigli e Ferrara non ha trovato alcun appoggio, né in sede politica né in sede sindacale (Giovanni Ferrara, mi pare di ricordare, sperava molto, inutilmente, nell’adesione della Cgil), nonostante fosse significativo per quel che voleva abrogare e certamente ammissibile, tanto che i proponenti vi hanno rinunciato.

Si può però a questo punto fare una considerazione a due facce. La prima. In tanto si è cominciato a parlare di una riforma della “porcata” in quanto il referendum che è fallito è stato proposto. I boss che guidano i partiti oggi rappresentati in parlamento, al di là di tante critiche alla legge, di certo non avrebbero fatto alcuna mossa per cambiarla, non solo perché attribuisce loro un enorme potere, ma anche perché non hanno un’idea del come modificarla. La seconda faccia. Al di là di tante parole, dopo l’esito della vicenda, gli stessi boss non si muoveranno (Berlusconi ha già fatto sapere, la cosa era scontata, che la legge va bene così, salvo qualche correzione per il senato; per Bossi questa legge rappresenta l’unica speranza - anche se a mio giudizio si tratta di un’illusione -  di tornare un giorno al governo; il Pd è profondamente diviso al proprio interno; la proporzionale fa paura a tutti). Che se poi quella che viene chiamata “l’antipolitica” (cioè la crescente delusione popolare per questo modo di gestire le istituzioni della Repubblica) dovesse esprimersi attraverso l’aumento dell’astensionismo, la circostanza sarebbe per loro irrilevante, visto che comunque la “porcata” li garantirebbe.

Per i democratici  - anche per Md? – si pone oggi il compito di tenere vivo il problema presso l’opinione pubblica, in attesa di qualche novità politica. Che non è un compito da poco

13 gennaio 2012
Ultimi articoli
Magistrati e avvocati

Dialogare non è un optional, ma un dovere

di Mariarosaria Guglielmi
Contro i rischi della deriva populista, il confronto e il dialogo sui temi della giurisdizione costituiscono un percorso obbligato, per costruire un argine a difesa del nostro sistema di diritti e di garanzie
27 gennaio 2020

Giornata della memoria

Il ricordo del passato per capire il presente
Dichiarazione MEDEL

La Commissione europea per la tutela dello stato di diritto in Polonia

A causa dell’aggravarsi della situazione della giurisdizione in Polonia, MEDEL valuta positivamente la decisione della Commissione europea di chiedere alla Corte di Giustizia Ue l’adozione di provvedimenti provvisori nella procedura di infrazione
Garanzie e processo penale

Riccardo De Vito: «Il diritto di difesa è la garanzia del giusto processo»

Contraddittorio e diritto di difesa non sono degli inutili orpelli, ma i cardini del sistema costituzionale garantista
Il “caso Calabria”

Le risposte che servono alla Calabria

di Stefano Musolino
Con dolo o con colpa, si alimenta il messianismo della repressione penale, torcendola a finalità che le sono estranee e perdendo così di vista l’essenza dei problemi economici e culturali che sono la causa della pervicace resistenza della ‘Ndrangheta
Coltivazione domestica

Il ripensamento della Cassazione

di Riccardo De Vito
Con una recente pronuncia, le Sezioni Unite della Cassazione hanno ritenuto non punibili penalmente le attività di coltivazione di stupefacenti di minime dimensioni, svolte in forma domestica e destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore