Elezioni Csm

Sanlorenzo: il Consiglio non sia mero organo amministrativo

Su La Stampa l'intervista alla candidata per Area, gruppo dei magistrati progressisti

Rita Sanlorenzo, ex segretaria di Magistratura democratica, è candidata alle elezioni del Csm per Area, gruppo dei magistrati progressisti, nel collegio della Cassazione contro Piercamillo Davigo, leader della corrente Autonomia e indipendenza, nata nel 2015. Un seggio per due, nel duello più interessante di una partita elettorale che divide i magistrati lungo nuove e profonde linee di frattura.

 

Qual è la posta in gioco?

È vitale richiamare tutti a un’etica della responsabilità nelle scelte, battere la disaffezione di molti magistrati verso il Csm, evitare che si riduca a organo amministrativo, senza rapporti con il Paese

Csm e Associazione magistrati sono sotto attacco. Si delinea anche nella magistratura una lotta anti establishement?

È una strana battaglia con punte di ipocrisia: il protagonista, Davigo, del sistema ha sempre fatto parte a pieno titolo. S’è accorto dell’insopportabile peso delle correnti del Csm solo dopo aver concluso la sua presidenza dell’Associazione magistrati. Una strumentalizzazione elettorale.

Ha letto il libro sul caso Robledo-Bruti Liberati?

Sì, è un libro del tutto unilaterale sul caso specifico e grossolano sul tema generale.

In che senso?

Per denunciare un’infezione peraltro tracciata superficialmente con molte omissioni, spara una bomba sull’intero sistema di autogoverno dipingendolo come irrimediabilmente opaco e corrotto. Una tesi di parte diventa il grimaldello per screditare l’intero sistema, colpendo anche la Procura di Milano. Non so se ci si rende conto della pericolosità delle conseguenze.

Vede un disegno unico?

Non so se ci sia un disegno. Certo Davigo lo cavalca con un certo cinismo.

Che cosa pensa della sua discesa in campo?

Davigo è un signor magistrato a due anni dalla pensione. Ma la sua storia non lo legittima ad accreditarsi come alfiere unico della moralità: nel sistema ha sempre operato attivamente, condividendone pregi e difetti. Altro che homo novus.

E come giudica la convergenza, se non altro temporale, tra exploit elettorale grillino e discesa in campo di Davigo?

Non voglio insinuare che ci sia un’intelligenza operativa, ma certo si cavalca il momento storico. Del resto era inevitabile che certe pulsioni che si agitano nella società contaminassero anche la magistratura.

Quali pulsioni?

Davigo non arriva certo dalla luna. Ha una fisionomia ideologica precisa, fondata sua una formazione di destra, che non lo abbandona certo nell’ultima versione che offre all’esterno.

Che cosa si intende per destra, oggi, riferita a un magistrato?

Una destra che cavalca l’illusione securitaria con slogan semplicistici che vogliono solo più reati, pene più alte, più carcere. Priva di ogni cultura delle garanzie, la cui assenza produce frasi agghiaccianti e rivelatrici come quella secondo cui “di fronte a un imputato dichiarato innocente bisogna chiedersi se non sia un colpevole che l’ha fatta franca”.

Rivelatrici di cosa?

Si tratta di un’ideologia permeata di pulsioni vagamente autoritarie, fondate sulla rivendicazione di un ruolo della magistratura non come corpo dello Stato al servizio della legalità, ma come tutore esclusivo della moralità pubblica. Una magistratura che si autocolloca su un piedistallo (ignorando la questione morale che all’interno la agita) da cui esprime giudizi che vanno bel oltre le aule di giustizia.

Che ne pensa della proposta di estendere l’uso dell’agente provocatore nelle indagini?

Criminogena e incompatibile con lo stato di diritto. La magistratura deve reprimere reati, non provocarli.

Davigo è popolare, voi sembrate arroccati al vecchio regime.

Nessuno è esente da colpe, nemmeno quelli della stessa appartenenza di Davigo. Ma nessuno può ergersi a censore delle condotte altrui con una permanente esibizione di popolarità. Se fossi Davigo non godrei così visibilmente per intervistatori compiacenti e platee osannanti. Su questa sovraesposizione mediatica converrebbe riflettere.

Invoca la par condicio?

Segnalo che a tanta disponibilità televisiva non ne corrisponde una nelle sedi proprie e con i colleghi, per confronti a cui sinora s’è sottratto. Quanto alla sovraesposizione personale, non sempre è stata positiva per la magistratura. Vellica il consenso personale a scapito della fiducia nell’istituzione.

Come cambierà la magistratura in un contesto politico così fluido e sfrangiato?

Noi entravamo in magistratura a 25 anni, ora si vince il concorso a 32. Abbiamo delegato compiti gravosi ai giovani colleghi senza capire le loro richieste. Ci sono molte più donne ma manca un’organizzazione del lavoro adeguata alle esigenze di maternità. Ed è evaporato l’impegno associativo che per la mia generazione era l’altra faccia della professione. Capisco che le sirene moraleggianti squillino fragorose. Ma l’attacco indiscriminato al Csm e alle vituperate correnti produrrà una magistratura più corporativa e settaria, non più libera e autorevole.

da La Stampa, 7 maggio 2018,
Intervista di Giuseppe Salvaggiulo, Torino.
"Davigo cinico e ipocrita. Cavalca con i grillini pulsioni autoritarie"
Sanlorenzo, toga progressista che sfida l'ex pm alle elezioni del Csm:
non è unico tutore della moralità
.

7 maggio 2018
Ultimi articoli
Ricordando Walter.

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia
Polonia.

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto
21 marzo: Giornata della Memoria e dell’Impegno per le vittime di mafie.

Dare un senso all’impegno

di Stefano Musolino
Un giorno per rammentare il senso dell’operare e gettare nuove basi per una più efficace azione di contrasto alle mafie
Rassegna.

Ezia Maccora «Più attenzione alle parole usate nelle sentenze»

L’intervista al Corriere della Sera a cura di Fiorenza Sarzanini, 14 marzo 2019
Romania.

Crisi dello Stato di diritto in Romania

La dichiarazione di Medel (Magistrats Européens pour la Démocratie et Les Libertés) sulla crisi dello stato di diritto in Romania e sulle riforme avviate nel 2017 che mettono a rischio l’indipendenza del sistema giudiziario e l’azione di contrasto al fenomeno della corruzione
Rassegna.

Mariarosaria Guglielmi: «Difendiamo i diritti, non siamo avversari politici del Governo»

L’intervista a Il Manifesto, 5 marzo 2019