Per non dimenticare mai

23 maggio 1992 - 23 maggio 2014

Per non dimenticare mai

di Esecutivo di Magistratura Democratica
di GIANFRANCO GILARDI*

L’anniversario delle stragi di Capaci e Via D’Amelio non è soltanto il doloroso ricordo di un tragedia immane, ma è ogni volta un richiamo delle coscienze al ruolo delle giurisdizione nella vita democratica di un paese, ai valori profondi della Costituzione ed a modi in cui la cultura della legalità si è venuta concretamente inverando nei diversi ruoli e nelle funzioni istituzionali contro ogni forma di violenza e di sopraffazione. Nell’assolvimento dei propri compiti, non sono pochi coloro che hanno pagato anche con la vita, uomini tutti per i quali (richiamando parole scritte in ricordo di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, ma che possono essere ripetute anche per Antonio Montinaro e gli altri componenti delle loro scorte, Rocco Dicillo, Vito Schifani, Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli e Claudio Traina) l’impegno per la legalità non era qualcosa di eroico e straordinario, ma una scelta di vita fondata sul senso dello Stato e sulla consapevolezza che stare dalla parte della legge è una condizione essenziale per l’affermazione delle libertà e per la realizzazione delle persone
    
Ribadire questi concetti è tanto più urgente in una fase storica in cui la criminalità mafiosa, ben lungi dall’essere stata definitivamente sconfitta, continua ad inquinare il tessuto economico della società e si insinua a volte anche in settori delle istituzioni. In un contesto in cui l’illegalità diffusa; l’evasione fiscale e la corruzione; la violenza; la crescita drammatica di povertà e disoccupazione sembra  non riescano a produrre altri progetti per la giustizia se non quello di controllare i giudici quasi che il problema non fosse la violazione della legge, ma coloro che nell’adempimento dei propri doveri ne perseguono il rispetto, occorre ribadire che è proprio in nome dell’esercizio indipendente della giurisdizione che uomini come Giovanni Falcone ed Antonio Montinaro hanno saputo assicurare, a prezzo della loro vita, il controllo di legalità nel pieno rispetto delle regole, ma anche senza rinunce né tentennamenti, mentre altre funzioni dello Stato erano forse inerti, distratte o latitanti.  

Come sottolineava un’altra vittima della mafia, Rosario Livatino, in un discorso sul ruolo del magistrato nella società che cambia, recuperare il diritto e la legalità quale riferimento unitario della convivenza collettiva non può costituire compito di una minoranza, ma deve entrare a far parte della coscienza collettiva. Soltanto se tali principi saranno vissuti e praticati da ogni  istituzione come presidio indispensabile della vita democratica, e se l’etica dello Stato e la moralità pubblica torneranno ad essere assunti come un dovere a cui deve concorrere, per la sua parte, ogni cittadino, la memoria del sacrificio di uomini come Giovanni Falcone ed Antonio Montinaro non avrà un valore solo commemorativo, ma costituirà un tassello del ritorno a quel grande progetto comune, a quella insuperabile ed incrollabile speranza che è la Costituzione italiana.


*discordo pronunciato a Peschiera del Garda, nella sede della Scuola della Polizia, dove è stata ricordata la strage di Capaci, alla presenza della vedova di Antonio Montinaro, il caposcorta di Giovanni Falcone che rimase trucidato insieme a lui e agli altri componenti della scorta.


(23 maggio 2014)

23/05/2014

Articoli Correlati

A vent'anni da Genova 2001

Non dimenticare, guardando avanti

A vent'anni dai fatti di Genova ci troviamo a constatare la persistente difficoltà della giurisdizione nell'entrare, in profondità, nei fatti di abuso contro le persone private della libertà e nell'accertare le reali dinamiche degli eventi. Insistere oggi, comepiù di vent'anni fa, per la migliore attuazione della speciale protezione che la Costituzione assegna alle persone private della loro libertà è il modo più sincero e propositivo di ricordare le immagini indelebili della Caserma di Bolzaneto e della scuola Diaz.

Ricordando Walter

Ciao Walter, addio amico amato: modello dell’essere e del fare

È già trascorso un anno da quando Walter Mapelli ci ha lasciato. Walter faceva parte della comunità di Magistratura democratica. Desideriamo ricordarlo con le parole di Olindo Canali, che ringraziamo per questo suo bel ritratto di Walter.

In memoria di Pino Airò

Magistratura Democratica lo ricorda attraverso le parole di due amici

In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo

In ricordo

Per Salvatore Senese

Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci

In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)

In ricordo

In quella voragine è finita anche una parte dello Stato

La voragine di Capaci ci sollecita a non perdere mai il senso dello Stato e a non restare intrappolati tra tentazioni carrieristiche, timori reverenziali, atteggiamenti burocratici ed individualismi esasperati

Ricordando Walter

Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta

Oggi al duomo di Monza una folla di donne e di uomini ha salutato Walter Mapelli, Procuratore della Repubblica di Bergamo che ci ha lasciato l’8 aprile, dopo una lunga malattia