Dignità e tutele

Magistratura onoraria

Dignità e tutele

Introdurre forme di tutela previdenziale ed assistenziale e prevedere un nuovo regime indennitario, che sia all’altezza di un compito così delicato, qual è quello di amministrare la giustizia. Sono questi alcuni nodi critici della riforma della magistratura onoraria, disvelati dall’attuale emergenza pandemica.

L’emergenza pandemica ha portato alla luce tutte le debolezze strutturali dell’organizzazione giudiziaria, tra cui la mancanza di un regime indennitario e previdenziale adeguato per la magistratura onoraria.

Alla magistratura onoraria sono stati progressivamente affidati, a partire dagli anni ’90, compiti di sempre maggiore pregnanza e complessità tecnica. In questo modo, si è contribuito a consolidare (e a “precarizzare”) una componente magistratuale semiprofessionale, che con il pieno decollo della riforma Orlando – originariamente previsto nell’agosto 2021 – vedrà, peraltro, ulteriormente ampliate le sue competenze.

Si tratta di un processo che, per certi versi, è difficilmente evitabile.

Un aumento degli organici della magistratura togata, volto a coprire tutti i settori e le funzioni attualmente gestiti da magistrati onorari, avrebbe costi insostenibili e tempi di attuazione molto lunghi. D’altra parte, proprio la disponibilità di una platea di magistrati onorari pari a circa la metà dei togati ha consentito di approdare, progressivamente, a tempi accettabili nella giurisdizione di primo grado, conseguendo un significativo recupero di efficienza sia presso gli uffici del giudice di pace che nei tribunali, ove i giudici onorari hanno spesso gestito, in via quasi esclusiva, buona parte degli affari penali di competenza monocratica e larga parte delle controversie civili di minore complessità.

Per questo, dentro e fuori i tribunali, della magistratura onoraria non si può fare a meno.

Ciò non significa, tuttavia, che si debba arrivare a forme di reclutamento parallelo, stravolgendo l’impianto costituzionale disegnato dall’art. 106, fondato sulla disciplina del concorso unico nazionale per l’accesso alla magistratura.

Per confermare la piena rispondenza del nostro assetto ordinamentale alla Costituzione, la riforma Orlando del 2017 ha ancorato l’incarico onorario alla temporaneità delle funzioni e alla sua natura non esclusiva. Si è così tentato di superare la sistematica proroga degli incarichi onorari, che si è protratta per un arco di tempo troppo lungo, creando l’anomalia di un “precariato” senza tutele, difficilmente compatibile con i principi dell’ordinamento nazionale ed europeo.

Nello schema riformatore del 2017, vi sono altri due profili significativi che esprimono un condivisibile indirizzo politico: la dirigenza togata degli uffici del giudice di pace e il tirocinio formativo dei nuovi magistrati onorari, con la previsione di un biennio obbligatorio presso l’ufficio per il processo.

Magistratura democratica auspica che si possa ripartire al più presto dalla disciplina positiva, confermando la dimensione temporanea e non esclusiva dell’attività dei magistrati onorari e provvedendo altresì al rapido reclutamento di nuovo personale (cosa che non si è affatto vista, nell’ultimo biennio), in modo da coprire tutti gli 8000 posti previsti, come dotazione organica, dal decreto ministeriale del 22 febbraio 2018.

Allo stesso tempo, è necessario intervenire con celerità su alcuni nodi critici della riforma Orlando, a partire dal nuovo regime economico, che pur avendo finalmente superato il sistema del cottimo ha tuttavia previsto, una volta a regime, indennità di valore quasi offensivo, se si considera che in esse è ricompresa anche la quota da destinare alla previdenza da parte dei singoli.

Occorre prevedere, infine, forme di tutela non soltanto previdenziale ma anche assistenziale: non è pensabile, infatti, che professionisti chiamati ad esercitare un compito così delicato, qual è quello di amministrare la giustizia, siano sprovvisti di copertura assicurativa nel caso di eventi che ne colpiscano la salute o la capacità di lavoro, come quello che stiamo vivendo.

05/05/2020

Articoli Correlati

La sede nazionale della CGIL devastata

Un grave attacco alla difesa collettiva dei diritti e alla democrazia costituzionale

Il violento assalto alla sede nazionale della CGIL, operato ieri da formazioni di estrema destra, rappresenta una grave ferita per la democrazia costituzionale: un colpo inferto alla difesa collettiva dei diritti e alle conquiste di chi ha sempre lottato per la sicurezza sul lavoro e l’emancipazione dei lavoratori dallo sfruttamento. Magistratura democratica esprime tutta la sua vicinanza alla CGIL, avvertendo al contempo il pericolo che gruppi organizzati di stampo squadrista, attraverso azioni violente come quelle verificatesi ieri a Roma, possano prendere il controllo del malcoltento.

Vaccinazione e certificazione verde

Il dovere di fare chiarezza

Ogni critica rappresenta l’anima del confronto e deve perciò essere sempre tenuta in considerazione: anche se aspra, caricaturale o persino oltraggiosa. Ma altra e diversa cosa dalla critica è l’attribuzione di pensieri ed opinioni mai espressi, per giunta contrari a verità. Quando ciò accade, l’informazione si trasforma in menzogna e la “notizia” in artificio ingannevole, falso ed infamante.

Eguaglianza, donne e diritto

Per le donne afghane

Ad ogni regime autoritario che faccia dell’oscurantismo il paradigma della condizione femminile deve corrispondere una campagna internazionale di mobilitazione delle coscienze e di sostegno umanitario. Con questo auspicio, rivolgiamo un appello a tutti i governi e agli organismi internazionali, affinché mettano al centro dei loro programmi il dovuto ausilio alla popolazione afghana, attivando ogni necessario meccanismo di protezione internazionale per le donne e i profughi di questo Paese.

Vaccinazione e certificazione verde

Il vaccino: un diritto ed un onere

La vaccinazione anticovid è, al tempo stesso, un diritto ed un onere. Uno strumento di liberazione dai più gravi timori per la salute individuale e collettiva, il cui mancato adempimento ben può giustificare una serie di calcolate restrizioni e limitazioni, adottate nell’interesse collettivo, in vari ambiti della vita sociale.