Il calcio per l'integrazione

Cronache al di là del muro

Il calcio per l'integrazione

di Esecutivo di Magistratura Democratica

Cronache al di là del muro

Quando l'integrazione passa da un campo di calcio

Magistrati, detenuti, migranti e studenti uniti per un giorno dal gioco del calcio. A Rebibbia sono scesi in campo, per un triangolare d’eccezione, i giudici di Magistratura democratica, i reclusi del carcere romano e l’Atletico Diritti.

CARCERE DI REBIBBIA, ROMA - Un pallone trafitto dagli offendicula posti a presidio della recinzione che delimita il campo di calcio.

È questa, tra le altre, l’immagine che porterò per sempre scolpita nella mia memoria, come ricordo di una giornata speciale, una di quelle giornate che ti regalano talmente tante emozioni da lasciarti stordito, al punto che la notte fai fatica a prendere sonno.

A partita finita, nello spogliatoio, ciò che sentivamo addosso non era tanto la stanchezza di chi è arrivato impreparato atleticamente ad una manifestazione sportiva, quanto l’emozione di chi si rende conto di essere stato protagonista di un evento straordinario.

Eravamo arrivati all’ingresso del carcere di Rebibbia preoccupati della nostra scarsa condizione atletica; non avevamo messo in conto, però, che ciò a cui eravamo davvero impreparati sarebbe stato il fiume di sentimenti che ci avrebbe travolto oltrepassato quel cancello.

E se per chi come me, Gabriele, Marco, Erminio e Stefano entrare in carcere per motivi di lavoro fa parte ormai della routine, pensate, invece, cosa hanno potuto provare i giovani colleghi in tirocinio che per la prima volta hanno messo piede in un Istituto di reclusione (effetto perverso della riduzione del periodo di tirocinio che ha comportato la soppressione del periodo di formazione in carcere). La loro gratitudine a fine partita ci ha ripagato di tutta la fatica che facciamo quotidianamente per dimostrare, prima di tutto a noi stessi, che si può essere magistrati in tanti modi, ma il più bello è “mettendosi in gioco” senza timore e con generosità.

Per la prima volta, da quel lontano 1964, anno della sua fondazione, Magistratura democratica è entrata con la sua squadra in un campo di calcio ed è stato un esordio che, almeno noi che lo abbiamo vissuto in prima persona, non dimenticheremo mai.

Il triangolare di calcio a cui abbiamo dato vita insieme alla squadra dei detenuti di Rebibbia e all’Atletico Diritti, un team costituito da migranti, studenti universitari e persone in esecuzione penale, è stato vinto dagli ospiti di casa e non poteva andare meglio. Sono convinto, infatti, che, forse solo per un giorno e a prescindere dal risultato sul campo, ieri le vite di molti di loro sono state attraversate da un raggio di luce. L’ho visto nei loro sguardi a fine partita, l’ho sentito negli abbracci che ci siamo scambiati, me lo hanno detto.

Ho promesso loro che saremmo tornati per la rivincita. Mi hanno risposto che non vedono l’ora di batterci ancora.

Rocco Maruotti, Sostituto Procuratore della Repubblica - Procura di Rieti

Il programma della giornata

La fotogallery

Il videoservizio di Repubblica.it

26/09/2017

Articoli Correlati

Eventi

Le ragioni degli studenti oltre paternalismo e repressione


Le ragioni degli studenti oltre paternalismo e repressione
Mercoledì 6 aprile 2022, ore 16.30
Sede Associazione "Volere la Luna", Via Trivero 16 Torino

Sarà possibile seguire l’incontro in diretta streaming sul canale Youtube di Magistratura democratica (https://www.youtube.com/user/MagistraturaDem

Iniziativa della dirigenza nazionale di Magistratura democratica

La gestione dell’infermità psichica nel procedimento penale


Le problematiche, giuridiche e operative, della gestione dell’infermità psichica nel procedimento penale, sia nella fase cautelare che in quella processuale - problematiche efficacemente riassunte e argomentate nella recente sentenza della Corte costituzionale n. 22 del 27 gennaio 2022 - sono ampiamente note a tutti gli operatori del diritto. 

Eventi

Lavoro povero e salario minimo


Lavoro povero e salario minimo


Venerdì 25 marzo 2022, ore 15.00


Corte di cassazione, Aula Giallombardo, 2° piano

Dialoghi sulla giustizia

A proposito di Referendum

Sono nove, ad oggi, le richieste di referendum al vaglio della Cassazione e della Corte costituzionale: sei di questi in particolare riguardano argomenti in materia di giustizia, pur molto eterogenei tra loro. La possibilità della sottoscrizione telematica ha ovviamente incentivato il ricorso al mezzo, e con ogni probabilità, si ripeteranno in futuro le occasioni di consultazione popolare sui temi più svariati. Diviene essenziale un’informazione capillare ed una discussione franca che possa evidenziare i risvolti effettivi di un voto che si può esprimere solo con un sì o con un no. Magistratura democratica non si sottrae al dovere di fornire il suo contributo.

In-sicurezza: giustizia, diritti e informazione

Parole di Giustizia

L'uguaglianza dei cittadini davanti alla legge e la tutela dei diritti di tutti sono il banco di prova delle democrazie contemporanee. Ciò sta scritto nelle Costituzioni del Novecento (a cominciare da quella del nostro Paese) ma spesso – troppo spesso – resta un obiettivo irrealizzato. Così la giustizia sembra talvolta ridursi, da orizzonte di vita decorosa e serena per tutti, a insieme di procedure per risolvere controversie e conflitti.

In questo contesto è nata l’idea di un appuntamento annuale teso a recuperare la consapevolezza del carattere etico e politico oltre (e prima) che tecnico della questione giustizia. Un appuntamento che, dopo nove edizioni a La Spezia, quest’anno si trasferisce a Urbino e a Pesaro, grazie alla collaborazione tra il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Urbino 'Carlo Bo', l’Associazione studi giuridici 'Giuseppe Borrè' e Magistratura democratica, con il coinvolgimento dell’Ordine degli avvocati di Pesaro e di Urbino e di tre istituti superiori: l’istituto Raffaello di Urbino, i licei Mamiani e Marconi di Pesaro.

Al centro della riflessione di questa edizione di “Parole di giustizia” è il senso di in-sicurezza che attraversa la società. Magistrati, avvocati, docenti universitari, giornalisti ed esperti di comunicazione – attraverso dibattiti, lezioni magistrali e interviste – ne analizzeranno sia le ragioni sia gli effetti sulla politica, sui diritti, sulla legislazione, sul modo di amministrare la giustizia.    

Il festival Parole di Giustizia 2021 si aprirà a Urbino venerdì 22 ottobre a Palazzo Battiferri con la lectio magistralis di Ilvo Diamanti e si concluderà domenica 24 ottobre a Palazzo ducale con quella di Tomaso Montanari. Sabato 23 ottobre si trasferirà a Pesaro e vedrà protagonisti, tra gli altri, Vera Gheno, Donatella Di Cesare, Yvan Sagnet, Umberto Ambrosoli.