L'EDITORIALE

"Tempi strani, anzi stranissimi"

di Luigi Marini

ROMA - Leggendo la stampa di questi giorni sui fatti della giustizia ho pensato che viviamo tempi strani.Abbiamo un procuratore della Repubblica che deve astenersi dalle indagini più delicate che il suo ufficio sta trattando, ma la cosa può trovare tranquillanti risposte burocratiche che eludono il tema e lasciano la conduzione delle indagini ad un “suo” aggiunto; abbiamo il capo dell’ufficio ispettivo del ministero che formalmente resta estraneo alle delicatissime attività che il suo ministro avvia, ma la cosa viene definita dal ministro in persona priva di implicazioni negative e tale da autorizzarlo a criticare il Csm che se ne sta doverosamente - e prudentemente - interessando: del resto, anche a qualche magistrato adesso piace l’dea, che tanto abbiamo criticato, che se non ci sono reati in vista tutto diventa lecito anche sul piano politico e amministrativo.

Ma dopo le letture di ieri devo dire che viviamo tempi stranissimi. Un processo genovese per fatti di rilevante gravità del 2001 (caso Diaz) ristagna in Corte di Appello e scivola verso la prescrizione perché da oltre un anno, si legge sui giornali, non si riescono a notificare gli atti a funzionari dello Stato, che si presume noti e reperibili. Sembrerebbe un fatto incredibile, e pensavo che non dovrei meravigliarmi se una qualche organo terzo volesse vederci chiaro.

Adesso leggo che per il presidente della corte di appello le cose non stanno andando in modo allarmante. Effettivamente, in tempi stranissimi anche l’inverosimile diventa normale.

15/10/2011

Articoli Correlati

Associazione Nazionale Magistrati

La nuova Giunta unitaria

Con la ritrovata unità associativa si è realizzato un obiettivo che in questi mesi abbiamo sempre indicato come prioritario per avviare un percorso di profondo rinnovamento, in grado di coinvolgere e mettere in gioco tutta la magistratura associata in un progetto comune e condiviso: quello di dare linfa ad una nuova etica professionale e di ricostruire una comune identità collettiva, basata sui valori della Costituzione.

Pubblico ministero e Costituzione

Il documento delle Procure e la necessità di un confronto

Il recente documento siglato tra alcuni Procuratori e l'UCPI costituisce un'occasione preziosa per riflettere sui cambiamenti culturali che hanno interessato la magistratura requirente e che ne hanno determinato il progressivo allontanamento dal suo progetto costituzionale di potere diffuso, in favore di un modello individualistico e verticistico, improntato alla logica della performance, della burocrazia e dei numeri.

Combattere le radici della degenerazione

Per uscire dalla palude del carrierismo: alcune proposte di Magistratura democratica

Temporaneità effettiva degli incarichi direttivi e semi-direttivi e ritorno al concorso di primo grado. Alcune semplici indicazioni per iniziare ad affrontare il nodo del carrierismo e per restituire alla giurisdizione il volto costituzionale di una magistratura distinta soltanto per funzioni.

Magistratura onoraria

Dignità e tutele

Introdurre forme di tutela previdenziale ed assistenziale e prevedere un nuovo regime indennitario, che sia all’altezza di un compito così delicato, qual è quello di amministrare la giustizia. Sono questi alcuni nodi critici della riforma della magistratura onoraria, disvelati dall’attuale emergenza pandemica.

Elezioni supplettive CSM

Il valore dell’associazionismo e le dichiarazioni di Di Matteo

Magistratura Democratica ha sempre rivendicato il ruolo culturale delle correnti e, per questo, è sempre stata consapevole della necessità di vigilanza critica ed autocritica sui rischi di degenerazione verso logiche di mera appartenenza

Giudici e politica

Sull’intervista di Antonello Racanelli

Nell’intervista al segretario di Magistratura Indipendente la prospettiva fuorviante dell’apoliticità, coniugata a una sostanziale omogeneità alle posizioni della maggioranza di governo

Polonia

Il messaggio dei giudici polacchi aderenti a Iustitia

La testimonianza dell’impegno a contrastare la crisi dello Stato di diritto

L'articolo del Presidente di Medel Filipe Marques

Parliamo di Europa!

Il presidente Marques presenta il ciclo di conferenze di Medel del mese di marzo, la prima a Roma

Dichiarazione dell’Esecutivo nazionale

Né Rosso né bigio ma giusto

È gravissimo che su quotidiani on line, incredibilmente ripresi da testate nazionali, sia stato pubblicato (con nomi cognomi e qualifiche professionali) un elenco di oltre 6.000 magistrati che prestano servizio presso gli uffici giudiziari italiani i quali sarebbero, incredibilmente, tutti iscritti a Magistratura Democratica