La lettera della Platform for an Indipendent Judiciary in Turkey

Noi e Medel

La lettera della Platform for an Indipendent Judiciary in Turkey


La lettera della Platform for an Independent Judiciary in Turkey del 15 luglio 2022 indirizzata a 


Presidente della Commissione Europea,  Ursula von der Leyen, 
Commissario Europeo per il Vicinato e l’allargamento, Olivér Várhelyi 
Commissario Europeo per la Giustizia, Didier Reynders 
Presidente del Consiglio  Europeo, Charles Michel 
Presidente del Parlamento Europeo, Roberta Metsola 
Segretario Generale del Consiglio d’ Europa, Marija Pejčinović Burić 


I membri della Piattaforma per una Giustizia indipendente in Turchia hanno osservato in questi anni gli sviluppi nel paese della situazione del sistema giudiziario, e non soltanto a partire dal 15 luglio 2016, giorno del tentativo di colpo di stato. Dal dicembre del 2013, in Turchia si e’ avuta una  allarmante regressione democratica in relazione allo stato di diritto e all’indipendenza della magistratura.


Questa regressione si è aggravata notevolmente a seguito dei due anni di stato di emergenza successivi al tentativo di colpo di stato.


Il lungo periodo di stato di emergenza ha avuto effetti devastanti per i diritti umani e lo stato di diritto e ha portato all’adozione di varie misure repressive in nome della lotta al terrorismo e alla protezione della democrazia.


Dopo il 15 luglio 2016, più di 4500 giudici e pubblici ministeri sono stati licenziati, circa 2450 fra questi sono stati arrestati, e molti sottoposti a un trattamento disumano durante la detenzione[1].Sono passati sei anni e ancora nessun passo significativo è stato fatto per ricostituire le condizioni dello stato di diritto in Turchia ne’ si sono avuti miglioramenti rispetto alle condizioni dei magistrati colpiti dalle destituzioni e dagli arresti di massa.


L’azione repressiva attuata sul sistema giudiziario, che include gli arresti di massa di giudici e pubblici ministeri, e le modifiche alla struttura del suo autogoverno attraverso riforme costituzionali, ha compromesso gravemente la capacità della magistratura in Turchia di amministrare la giustizia e di assicurare una protezione effettiva a fronte della violazione dei diritti umani, durante e successivamente alla permanenza dello stato di emergenza[2].


Al fatto che i Tribunali nazionali hanno dimostrato chiaramente la mancanza di indipendenza nell’esercizio delle loro funzioni si e’ nel frattempo aggiunta la mancanza di volontà di dare  seguito alle decisioni della Corte Europea dei diritti umani (ECtHR), evidenziata da ultimo all’inizio di questa settimana nella decisione della Grande camera dell’11 luglio 2022 nel caso Kavala ( ricorso n.28749/18). E piùspecificamente con riferimento ai giudici turchi, dalla decisione presa dalla Corte Costituzionale turca ( il 4 giugno 2020)  secondo la quale l’interpretazione della legge nazionale sulla detenzione dei magistrati compete ai Tribunali nazionali e non alla Corte Europea dei diritti umani, decisione che  esplicita il  rifiuto di uniformarsi alle pronunce della ECtHR, Bas v. Turchia n.66448/17(3 Marzo 2020) e Alparsan Altan v. Turchia n. 12778/17 ( 16 Aprile 2019).


Questi fatti sono evidente dimostrazione della violazione dei principi dello stato di diritto. La Platform ha ripetutamente e apertamente lanciato l’allarme per l’attacco brutale al sistema giudiziario, i trattamenti disumani legati alla detenzione di giudici e pubblici ministeri e la gravi violazioni dei diritti fondamentali  di cui ogni cittadino europeo dovrebbe godere senza discriminazione.


È evidente che  i Tribunali nazionali non assicurano il rispetto dei principi minimi del giusto processo nei procedimenti che riguardano giudici e procuratori detenuti.


L’intollerabile violazione dei principi dello stato di diritto non può essere cancellata e non dovrebbe mai essere usata come moneta di scambio per ragioni di realpolitik nelle negoziazioni con il governo turco. Il rispetto solo a parole lo stato di diritto non basta.

Tenendo in mente il triste ed incerto destino di migliaia di magistrati e delle loro famiglie dopo le destituzioni e gli arresti di massa nel 2016, che sono solo la punta di un iceberg nel più complesso scenario della regressione dello stato di diritto in  Turchia e della sistematica violazione dei diritti umani, chiediamo  di adottare tutte le necessarie misure e fare tutti i passi indispensabili perché questo paese si uniformi ai principi dello stato di diritto, rispetti l’indipendenza del sistema giudiziario e il principio fondamentale al giusto processo.

 


Edith Zeller, Presidente dell’ AEAJ (Associazione dei Giudici  Europei Amministrativi) 


Duro Sessa, Presidente dell’EAJ (Associazione Europea dei Giudici) 


Tamara Trotman Presidente di  Judges for Judges 


Filipe César Marques Presidente di MEDEL (Magistrats Européens pour la Democratie et les Libertés)

 

 


 
[1] Cfr. il report Torture Report On Judges And Prosecutors In Turkey (Maggio 2022) https://www.crossborderjurists.org/torture-report-on-judges-and-prosecutors-in-turkey/ 


[2] Cfr. La recente  comunicazione dalla Commissione Internazionale dei Giuristi  (23/05/2022) (meeting  1436, giugno 2022) (DH) nei casi  Bilgen e Eminagaoglu v. Türkiye ( No. 1571/07, 76521/12) https://hudoc.exec.coe.int/eng?i=DH-DD(2022)600revE  
 

15/07/2022

Articoli Correlati

Noi e Medel

Appello dei magistrati europei al presidente della Repubblica francese per ricostituire lo stato di diritto in Polonia


Signor Presidente, 
il 9 marzo, in occasione della presidenza francese dell’Unione Europea, una delle organizzazioni firmatarie ha scritto al Suo Ministro di Giustizia per metterlo a conoscenza dell’importanza di intervenire con decisione per lo stato di diritto e l’indipendenza del potere giudiziario in un momento in cui tali pilastri sono sottoposti a offensive eccezionali in alcuni Stati Membri dell’Unione, in particolare in Ungheria e Polonia. 

Noi e Medel

23 maggio - Giornata di allerta per l'indipendenza della giustizia


Ancora una volta Medel celebra il 23 maggio come Giornata di Allerta per l'Indipendenza della Giustizia, ricordando che l'indipendenza del Potere Giudiziario è la pietra angolare di ogni società libera e democratica.

Noi e Medel

Medel continuerà a osservare gli sviluppi in Turchia e i processi presso la Corte EDU a tutela dei magistrati turchi


La dichiarazione di Medel ( Magistrats Européens pour la Démocratie et les Libertées) sul rigetto da parte della Corte Edu del rinvio alla Grande Camera del caso Turan e altri.

Noi e Medel

Medel sui crimini di guerra in Ucraina


La guerra che perdura in Ucraina ha obbligato il mondo ad avere a che fare con scene che l’umanità ha lottato duramente per lasciare nel passato, ma che purtroppo continuano a ritornare. Le immagini dei corpi dei civili uccisi, che giacevano a terra con le mani legate dietro la schiena, sono una prova innegabile che in questo conflitto sono stati commessi dei crimini di guerra, e che tutti i limiti dell’umanità sono stati oltrepassati.

Noi e Medel

Sullo scioglimento del CSM e le minacce all’indipendenza della Giustizia in Tunisia


Minaccia all'indipendenza della giustizia in Tunisia: non dobbiamo abbandonare la causa per una giustizia democratica in Tunisia. Abbiamo solo un mondo in cui la giustizia è un valore prezioso della democrazia e dove l'indipendenza della giustizia e i principi dello stato di diritto e della separazione dei poteri devono prevalere.