Nuova procedura di infrazione per le riforme sulla giustizia

Polonia

Nuova procedura di infrazione per le riforme sulla giustizia

di Mariarosaria Guglielmi
Segretaria generale di Magistratura democratica
Dichiarazione di Medel sulla procedura d’infrazione della Commissione Europea contro la Polonia per il nuovo sistema disciplinare dei magistrati, contrario al principio di indipendenza della magistratura

La Polonia è venuta meno agli obblighi derivanti dall'articolo 19 del trattato sull'Unione europea e dall’art. 47 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, che sanciscono il diritto ad un ricorso effettivo davanti ad un tribunale imparziale e indipendente; il nuovo sistema disciplinare prevede che i giudici possano essere sottoposti  a procedimenti e sanzioni disciplinari in relazione al contenuto delle loro decisioni giudiziarie; non è garantita l'indipendenza e l'imparzialità della Sezione disciplinare istituita presso la Suprema Corte, che esamina le decisioni prese nell’ambito dei procedimenti disciplinari, composta solo da nuovi giudici selezionati dal Consiglio Giudiziario Nazionale – sospeso il 17 settembre 2018 dalla Rete dei Consigli di Giustizia in quanto non può più considerarsi istituzione indipendente dal potere esecutivo e legislativo né istituzione in grado di sostenere il sistema giudiziario nell’esercizio indipendente della giurisdizione – i cui membri togati sono oggi nominati dalla Camera bassa del Parlamento polacco; il nuovo regime disciplinare non garantisce che un tribunale "istituito dalla legge" si pronunci in primo grado in quanto il presidente della Sezione disciplinare può individuare, sulla base di una decisione ampiamente discrezionale, il tribunale di primo grado che deve conoscere del caso e limita il diritto di difesa e i diritti processuali dei giudici sottoposti al procedimento poiché non garantisce che i casi saranno trattati in un periodo di tempo ragionevole.

La Commissione ritiene inoltre che la Polonia sia venuta meno agli obblighi previsti dall'articolo 267 del TFUE, che sancisce il diritto di giudici a presentare domande di pronuncia pregiudiziale alla Corte di giustizia dell'UE. Medel era già intervenuta nell’ottobre 2018 per segnalare la gravità di quanto accaduto con l’avvio di procedimenti disciplinari contro gli stessi giudici che avevano proposto rinvii pregiudiziali alla Corte di Giustizia in relazione alle nuove leggi approvate sulla Suprema Corte e sul Consiglio di Giustizia, sia per l’abbassamento dell’età del pensionamento sia per le nuove disposizioni in materia di responsabilità disciplinare che attribuiscono all’esecutivo un controllo pieno sui giudici, privati di fondamentali garanzie processuali.

Con la dichiarazione di oggi Medel vuole sottolineare l’importanza dell’intervento della CE a tutela dell’indipendenza dei sistemi giudiziari e dei principi dello Stato di diritto, quale valore che è a fondamento dell’ Unione,  e riaffermare il suo sostegno ai giudici e ai pubblici ministeri della Polonia che, nella giurisdizione e nel paese, portano avanti un’azione forte e coraggiosa a difesa dell’indipendenza della magistratura e dei valori dello stato di diritto  (il video realizzato da Iustitia, l’associazione che aderisce a Medel, è una testimonianza dell’impegno di questi anni per contrastare le riforme sulla giustizia http://www.magistraturademocratica.it/articolo/il-messaggio-dei-giudici-polacchi-aderenti-a-iustitia_2983.php).

Mariarosaria Guglielmi
Vice presidente di Medel

 

 

DICHIARAZIONE DI MEDEL
SULLA NUOVA PROCEDURA DI INFRAZIONE CONTRO LA POLONIA

 

Il 3 aprile 2019 la Commissione Europea ha deciso di avviare una procedura di infrazione in relazione al nuovo sistema disciplinare per i giudici in Polonia. 

Medel apprezza questa decisione, sottolineando che il meccanismo ex art. 258 TFUE è l’unico con effettive potenzialità di arrestare il processo di smantellamento dello Stato di diritto in Polonia. 

La prima richiesta di Medel per iniziative in questa direzione è stata inviata al Vice Presidente della Commissione Europea Frans Timmermans, il 21 febbraio 2019. Oggi è evidente a tutti che le azioni senza precedenti che stanno minacciando l’indipendenza dei giudici in Polonia  richiedono interventi urgenti.

Il recente caso del giudice Alina Czubieniak, punita dalla nuova Sezione disciplinare della Suprema Corte con un “ammonimento” per una legittima decisione in pieno  rispetto dei diritti umani- la scarcerazione di una persona con problemi di salute mentale, ingiustamente detenuta e privata della dovuta assistenza legale durante l’arresto- è un esempio inequivocabile delle distorsioni del sistema disciplinare in Polonia. In più, il giudice Alina Czubieniak sta affrontando un altro procedimento disciplinare per aver fornito alla stampa informazioni sul suo caso.

Un altro esempio eclatante di questo uso strumentale del nuovo sistema disciplinare sono i procedimenti contro i giudici che hanno preso parte alle assemblee nei tribunali e nelle corti,  interrogati dagli ispettori addetti al disciplinare per acquisire informazioni su coloro che hanno organizzato e proposto le votazioni di risoluzioni critiche verso il Consiglio Giudiziario Nazionale.

Ogni settimana nuove inaccettabili decisioni vengono prese da coloro che sono addetti al sistema disciplinare , direttamente scelti dal Ministro della Giustizia/Procuratore Generale.

In questa situazione la decisione della Commissione Europea sembra giunta all’ultimo momento utile per la tutela dell’indipendenza dei giudici in Polonia.

Oggi, come sempre negli ultimi anni, Medel vuole testimoniare la sua piena solidarietà con i giudici e con i pubblici ministeri della Polonia per la loro coraggiosa azione in difesa dello Stato di diritto.

Il loro impegno è l’impegno di tutti i giudici e pubblici ministeri in Europa.

30/04/2019

Articoli Correlati

Noi e Medel

Giornata di Allerta per l'Indipendenza della Giustizia


Ogni 23 maggio, MEDEL celebra la Giornata di Allerta per l'Indipendenza della Giustizia rendendo omaggio a Giovanni Falcone e al suo impegno per la Giustizia, che ha portato al sacrificio della sua vita, insieme a quella di Francesca Morvillo e dei tre agenti di polizia incaricati della loro sicurezza.

Noi e Medel

La lettera di Murat Arslan


Uno dei momenti più intensi dell’Assemblea generale di Iustitia, a Varsavia, sabato scorso: la lettera di Murat Arslan, giudice e presidente di Yarsav, associazione indipendente di magistrati turchi, sciolta con il primo decreto del Governo dopo la dichiarazione dello stato di emergenza nel 2016. Impegnato nella difesa dei diritti e della giustizia, Murat è stato arrestato, è detenuto dal 2016 e sta scontando una condanna a 10 anni di reclusione. Nel 2017 gli è stato assegnato dal Consiglio di Europa il premio Vaclav Havel per i diritti umani. Le sue parole e queste immagini ci commuovono profondamente.

Evento del 14 aprile 2023

Tribunal established by Law


I processi di regressione democratica e di crisi sistemica  dello stato di diritto innescati dalla presa di controllo dell'esecutivo  sui sistemi giudiziari, anche attraverso la sua manipolazione dall'interno, hanno portato in primo piano la rilevanza del principio garanzia del giusto processo, rappresentato dal "Tribunale stabilito per legge" , e di tutte le sue implicazioni.

La dichiarazione adottata da MEDEL per il 10 marzo

The International Day of Women Judges


MEDEL sarà sempre al fianco di tutte le donne che - nei contesti più difficili - lottano per i diritti e le libertà 


Il 10 marzo è stato dichiarato, con la risoluzione 75/274 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite del 2021,  “International Day of Women Judges” per sensibilizzare l'opinione pubblica sul ruolo essenziale delle donne nei sistemi giudiziari.  

Noi e Medel

Dichiarazione della Platform for an Independent Judiciary in Turkey sui processi di massa agli avvocati di Ankara


Gli arresti e i processi di massa agli avvocati sono parte della sistematica aggressione ai principi dello Stato di diritto in atto in Turchia, e al ruolo centrale che i difensori svolgono nel  garantire l'equità dei sistemi giudiziari e la difesa dei diritti fondamentali.