Proroga Opg

Rinvio non meraviglia

di Esecutivo di Magistratura Democratica
Si usi per interventi necessari

a cura di Redazione

Magistratura democratica prende atto che il Governo ha prorogato di dodici mesi la chiusura degli OPG (foto Next New Media - Antigone). Subito il provvedimento è stato criticato da Psichiatria Democratica.

MD auspica che questi ulteriori dodici mesi, sia pure fra le tante emergenze del paese, siano spesi dalle Regioni per realizzare le strutture che sappiano accogliere, nel rispetto della dignità umana, i cittadini finora internati negli OPG. Ad oggi, i lavori sono lungi dall’essere terminati. Ma soprattutto i Dipartimenti di salute mentale devono prendere in carico gli internati e i soggetti che verranno dimessi dalle strutture esistenti e  predisporre i Progetti Terapeutico Riabilitativi individuali, anche per favorire il ricorso a misure di sicurezza non detentive alternative all’OPG (come prevedono le sentenze della Corte Costituzionale ).


Ma la tutela dei diritti degli internati merita una ben più ampia riforma che tenga conto della legislazione penale e penitenziaria ancora vigente, da rendere ad esempio compatibile con la gestione esclusivamente sanitaria delle nuove strutture. Deve essere riformato il sistema penale dell’imputabilità e delle misure di sicurezza, superando l’approccio culturale che lega indissolubilmente malattia mentale e violenza, cura e contenimento.


Con la presa in carico del servizio sanitario devono essere riviste le competenze della magistratura di sorveglianza, tutte fondate sul rapporto esclusivo con l’amministrazione penitenziaria. Insomma, c’è un tempo per distruggere e uno  per costruire  e oggi si impongono non solo nuovi istituti di accoglienza ma  anche nuove strade per il rispetto della dignità umana dei malati e per la cura della loro malattia.


LEGGI ANCHE: IL COMMENTO E alla prossima scadenza? di Luigi Marini / Seminario di Md a Napoli / Voto Senato


(27 marzo 2013)

26/03/2013

Articoli Correlati

12 marzo 2021, ore 16:00/18:00

Trattamento rieducativo e giustizia riparativa: per una nuova penalità

A partire dalle ore 16:00 di venerdì 12 marzo 2021, su piattaforma Zoom, si è tenuto il Webinar organizzato dalla Sezione di Firenze di Magistratura democratica, dedicato ai temi del Trattamento rieducativo e della giustizia riparativa.

Il carcere, il virus e noi

Per una penalità umana, diversa e differenziata

Anche nell’attuale situazione di grave crisi sanitaria restano numerosi i detenuti che scontano pene irrisorie, non potendo accedere ad alternative al carcere soltanto perché privi di risorse, a partire da un’abitazione. Queste condizioni di marginalità sociale, troppo frequenti nel carcere, impongono di immaginare una penalità diversa e differenziata, a partire dalla struttura dei reati e dalle ipotesi di sanzione, per arrivare a modelli penitenziari alternativi alla prigione. Rispondere solo con le parole "più carcere" e "più carceri’" significa, infatti, chiudere gli occhi davanti ad una realtà, qual è quella attuale, che troppo spesso vede le prigioni soltanto come luoghi per immagazzinare corpi, senza concrete e realistiche possibilità di risocializzazione.

Carcere e coronavirus

Sulle scarcerazioni non ci siamo pentiti

Riccardo De Vito, presidente di Magistratura democratica: "Purtroppo la prigione, da un punto di vista oggettivo, realizza ancora una funzione di 'smaltimento' della povertà colpevole. Molti poveri, non necessariamente stranieri, sono tagliati fuori da tutto. È necessario creare dimore sociali e favorire l’ulteriore finanziamento di un progetto della Direzione generale dell’esecuzione penale esterna e di Cassa Ammende, finalizzato a trovare risorse e posti per i senza fissa dimora. Chissà che dalla positiva sperimentazione del progetto non possa uscire una diversa filosofia della pena e dei luoghi di espiazione".

Europa e coronavirus

Emergenza sanitaria in carcere: l'appello al Consiglio d'Europa

Il Consiglio d’Europa, nell'attuale situazione di grave crisi sanitaria, deve dare impulso a politiche che possano portare a una rapida riduzione del numero dei detenuti. A tutela dei diritti fondamentali di questi ultimi e della salute pubblica

Carcere e coronavirus

Non aspettare

Ridurre subito le presenze all’interno del carcere, anche alleggerendone la pressione dall’esterno: soltanto in questo modo il rischio di contagio potrà essere seriamente fronteggiato. Per tutelare, oggi, la salute dei detenuti e garantire così, un domani, la sicurezza dei cittadini