Scuola magistratura, il commento

Ordinamento

Scuola magistratura, il commento

"Nascita travagliata, adesso trasparenza"

di Luigi Marini

L’insediamento del comitato direttivo che ha il compito di guidare e gestire la nuova scuola della magistratura è un fatto di grande importanza.

Una nascita travagliata, in cui tutte le incoerenze e l’ideologia dei governanti hanno aggiunto problema a problema.

Il discorso di saluto pronunciato dalla Ministro della Giustizia ha avuto un taglio e  contenuti ben diversi da quelli che hanno caratterizzato gli interventi di chi la ha preceduta ed ha aperto prospettive di razionalità lontane dalle logiche ideologiche e ottuse che avremmo potuto trovarci davanti. Questo fa ben sperare per un buon avvio del difficile percorso che attende il comitato direttivo.

Il passaggio dalla formazione consiliare a quella che ci attende dovrà avvenire in modo progressivo e richiederà molte scelte e molti passaggi intermedi da affrontare con lucidità, buon senso e volontà di raggiungere il migliori risultato;  richiederà collaborazione fra le istituzioni; richiederà, tra l’altro, la capacità di non agire secondo logiche di appartenenza e di costruire una direzione collegiale all’altezza del compito.

Credo che la trasparenza dei percorsi decisionali e delle scelte delle diverse amministrazioni debba, in questo contesto, costituire una priorità per una formazione che sia al servizio di tutti.

01/12/2011

Articoli Correlati

Ordinamento

Brevissima Storia di T.


<< Sembra surreale che un lavoro, come quello di magistrato, che dovrebbe essere fortemente orientato alla/dalla motivazione, ricco di curiosità innovativa e di impegno intellettuale per l’estensione degli ambiti di tutela dei diritti, attento alle specificità del singolo caso, caratterizzato da un’organizzazione orizzontale e non gerarchizzata, sia in corso di trasformazione verso paradigmi (o algoritmi) da “rider dei fascicoli” ossequienti ai “capisquadra">>

Come eravamo

Il tempo del possibile non è quello passato ma quello che verrà : essere un magistrato giovane (ma non troppo) nel 2022


Il concorso per l’accesso alla magistratura ordinaria, dalla data di entrata in vigore della legge n. 111/2007, che ha modificato il decreto legislativo n. 160/2006, è un c.d. “concorso pubblico di secondo grado”.

Ordinamento

Riforma della giustizia - Le proposte di Magistratura democratica


È vitale che la magistratura rinsaldi i legami con la società civile, alleato insostituibile per l’affermazione della legalità, della tutela dei diritti e per l’esercizio sereno e indipendente della giurisdizione.

Ordinamento

Giù le mani dal CSM


Colleghe e colleghi,
A febbraio sono al vaglio della Consulta, tra gli altri, i referendum sulla responsabilità civile dei magistrati e sulla separazione delle carriere.
Il Consiglio di Stato azzera, una settimana prima della inaugurazione dell’anno giudiziario, le nomine dei vertici della Cassazione (non della sezione distaccata del Tribunale di Vigata, tanto per mantenere un po’ di sana autoironia, in un momento, però, tutt’altro che semplice).

Ordinamento

Ufficio per il Processo


Buongiorno e buon anno a tutti.
Dopo l’ultimo Consiglio Nazionale e le riflessioni che sono emerse, abbiamo deciso di creare un gruppo di lavoro sull’ufficio per il processo.
Lo scopo che ci proponiamo è al contempo di principio e pratico.