Commento

Manifest. 12 ottobre

Stiamo seguendo con attenzione particolare il percorso delle così dette “riforme istituzionali”, il che è dire delle modifiche che si intende portare alla Costituzione.

Abbiamo dato vita a un gruppo di lavoro che ha il compito di mettere questo tema al centro del proprio lavoro di analisi, nella consapevolezza che siamo di fronte a un passaggio di grande rilevanza, che già dalle forme di intervento e dai tempi che sono stati prefigurati mostra possibili criticità. Tutta la cultura giuridica è chiamata in causa e non si è in presenza di profili che riguardino solo la magistratura o solo alcune delle sue sensibilità. Come sempre,  l’Anm e le sue componenti sono chiamate a offrire al dibattito pubblico contributi all’altezza della delicatezza dei temi coinvolti.

Dopo avere redatto un primo commento concentrato sui profili legati all’art.138 Cost., commento che ha costituito la base per il testo che Area ha reso pubblico pochi giorni fa ed è presente su questo sito, il gruppo di lavoro sta avviando un confronto più ampio e fornirà nuovi contributi quando avremo documenti su cui esprimerci. In questo contesto si colloca il breve commento che chi era presente ha dedicato alla manifestazione intitolata alla "via maestra" tenutasi a Roma il 12 ottobre.

Luigi

Cambiare il Paese, attuando la Costituzione e difendendo i diritti. Questi gli obbiettivi della manifestazione del 12 ottobre a Roma promossa da “Costituzione, la via maestra” con un appello sottoscritto da Lorenza Carlassare, Luigi Ciotti, Maurizio Landini, Stefano Rodotà e Gustavo Zagrebelsky, raccolto con grande partecipazione da una pluralità di associazioni e da molte migliaia di singoli cittadini in una piazza del Popolo gremita come da tempo non si vedeva. Forte è stato  il richiamo alla necessità di un grande impegno, ciascuno con il proprio ruolo, per la difesa dei diritti, di quelli fondamentali dei migranti, dei diritti alla dignità e alla libertà dei lavoratori, ma anche del diritto all’ambiente salubre, ai beni comuni, allo studio e alla libertà della cultura . Unanime anche la denuncia, alla quale i manifestanti si sono associati con grande partecipazione, per gli attacchi non tanto al tessuto giuridico della Costituzione, quanto allo stesso progetto di società più libera ed eguale che i padri costituenti ci hanno consegnato.

Il documento del Coordinamento di Area che si legge nel sito (è stato anche pubblicato sul sito di Articolo 21)  è in linea con i contenuti essenziali della manifestazione. Vicino è anche il linguaggio, come risalta immediatamente dal punto in cui, ricordando, la vittoria del referendum del 25 e 26 giungo 2006 contro le riforme costituzionali attuative della “bozza di Lorenzago”, ricordiamo che in tal modo la Costituzione fu nuovamente eletta “a “via maestra” e stella polare della vita pubblica e dei rapporti sociali”. Comune è anche il sentimento di un rischio di indebolimento del principio di rigidità della Costituzione, con le modifiche delle procedure di modifiche costituzionali previste dall’art. 138, che non è stato scritto per impedire il cambiamento, che quando c’è stato un ampio consenso in effetti è stato realizzato, ma per “garantire che ogni revisione del fondamentale patto di cittadinanza potesse avvenire in un contesto il più possibile simile a quello costituente: comprensivo del più ampio spettro di forze politiche – di maggioranza e soprattutto di minoranza – e svincolato dall’indirizzo politico dominante”. Oggi, invece, abbiamo un Parlamento eletto con una legge colpita da gravi sospetti di legittimità costituzionale perché fondata su “un meccanismo elettorale che rescinde il legame tra volontà popolare ed eletti e rischia di consegnare il governo a forze minoritarie.” L'idea che il referendum obbligatorio costituisca uno strumento efficace sarà tema di ulteriori valutazioni.


(15 ottobre 2013)

15 ottobre 2013
Ultimi articoli
Rassegna

«Csm, il sorteggio non può garantire il pluralismo»

di Giulia Marzia Locati
Pubblicato da il Fatto Quotidiano del 12 luglio 2019
Rassegna

«Ma il sorteggio mortifica il Csm»

Lettera di Mariarosaria Guglielmi al direttore de la Repubblica
Rassegna

Lo scandalo al Csm e le buone ragioni dell’associazionismo dei magistrati

di Gaetano Azzariti
Pubblichiamo articolo tratto dal il manifesto del 21 giugno 2019
In ricordo

L’attualità dell’insegnamento e della testimonianza di Salvatore Senese

di Edmondo Bruti Liberati
In tutte le sue diverse esperienze di “magistrato impegnato” ha mostrato come la fermezza sui valori e sulle idee debba unirsi all’ascolto e al confronto rifuggendo sempre da ogni settarismo
In ricordo

Per Salvatore Senese

di MD Toscana
Il vuoto lasciato dalla sua scomparsa non è di quelli che possano essere facilmente colmati. Non lo sarebbe stato in nessuna fase della vita di Magistratura democratica. Ma oggi, con tutto quello che sta succedendo, è facile capire che quel vuoto rimarrà per molto tempo ad ammonirci
In ricordo

Salvatore Senese, la sua lezione di fronte allo squallore di oggi

Proponiamo il brano di Luigi Ferrajoli pubblicato da il manifesto del 18 giugno 2019.

Nelle sue parole, il miglior antidoto alla demagogia di chi chiede il dissolvimento delle associazioni e, così facendo, impedisce un reale cambiamento delle stesse o propone di cambiare tutto per non cambiare niente. (L’Esecutivo nazionale di Magistratura democratica)