L'Anm su vicenda Procuratore Bari

Documento

L'Anm su vicenda Procuratore Bari

di Esecutivo di Magistratura Democratica
"Non salvaguardata indipendenza magistrati"

L’Anm sulla vicenda del Procuratore della Repubblica di Bari

L’Associazione nazionale magistrati è culturalmente impegnata a sostenere ogni iniziativa volta alla costante riflessione sugli spazi di democrazia e di efficienza attuati negli uffici giudiziari requirenti.Democrazia ed efficienza si realizzano quando chi dirige un ufficio di procura ispira il suo agire ad una condivisibile logica di responsabilità anziché di autorità, anche al fine di realizzare quella fisiologica attività  di coordinamento con i sostituti procuratori.

Solo un equilibrato rapporto fra i poteri di coordinamento e indirizzo del Procuratore della Repubblica da un lato e l’indipendenza interna del singolo sostituto dall’altro è , infatti, idoneo a garantire i principi di eguaglianza dei cittadini dinanzi alla legge e di reale obbligatorietà dell’azione penale. Il principio di indipendenza interna del pubblico ministero è un valore desumibile direttamente dalla Costituzione che deve essere difeso e salvaguardato per un corretto ed efficiente esercizio dell’azione penale.

In quest’ottica desta preoccupazione la lettura degli atti acquisiti nel corso della procedura consiliare di incompatibilità ambientale del Procuratore della Repubblica di Bari, da cui sembra emergere un  modello di rapporti tra Procuratore della Repubblica e sostituti non in linea con la salvaguardia del principio di indipendenza di tutti i magistrati. In particolare va stigmatizzata la predisposizione di una struttura di polizia giudiziaria ubicata all’interno della segreteria del Procuratore della Repubblica e di fatto finalizzata al controllo incrociato delle indagini svolte in diversi procedimenti penali dai sostituti procuratori della repubblica.

Tutto ciò con l’effetto di derogare surrettiziamente alle regole di assegnazione e trattazione dei procedimenti, di svilire il ruolo del singolo magistrato di direzione delle indagini e di ledere l’immagine del singolo magistrato nella percezione della stessa polizia giudiziaria. Altrettanto preoccupanti sono tutti i comportamenti che si traducano in inammissibili interferenze sugli organi giudicanti.

Il principio di autonomia e di indipendenza del pubblico ministero e quello di terzietà del giudice sono fondamentali per il corretto esercizio della giurisdizione nell’interesse dei cittadini e si tengono reciprocamente, per cui ogni interferenza indebita di un organo sull’altro rischia di minare la credibilità del sistema giudiziario nel suo complesso. Così come, per altro verso, preoccupante è il mancato coordinamento tra i sostituti in presenza di indagini collegate. In conclusione, l’Anm ribadisce l’esigenza di una attuazione delle norme dell’ordinamento giudiziario in tema di assetto delle Procure della Repubblica secondo una lettura costituzionalmente orientata dei rapporti fra dirigente dell’ufficio e magistrati, che si ispiri a criteri di trasparenza, efficienza e tutela dell’autonomia del sostituto procuratore, pur in un quadro normativo che individua nel Procuratore della Repubblica il solo soggetto titolare dell’azione penale.

Roma, 13 gennaio 2012

13/01/2012

Articoli Correlati

Ordinamento

Giù le mani dal CSM


Colleghe e colleghi,
A febbraio sono al vaglio della Consulta, tra gli altri, i referendum sulla responsabilità civile dei magistrati e sulla separazione delle carriere.
Il Consiglio di Stato azzera, una settimana prima della inaugurazione dell’anno giudiziario, le nomine dei vertici della Cassazione (non della sezione distaccata del Tribunale di Vigata, tanto per mantenere un po’ di sana autoironia, in un momento, però, tutt’altro che semplice).

Ordinamento

Ufficio per il Processo


Buongiorno e buon anno a tutti.
Dopo l’ultimo Consiglio Nazionale e le riflessioni che sono emerse, abbiamo deciso di creare un gruppo di lavoro sull’ufficio per il processo.
Lo scopo che ci proponiamo è al contempo di principio e pratico.

Intervento al Consiglio nazionale di Md

Tracciare una strada

Relazione scritta dell’intervento tenuto da Fabrizio Filice al Consiglio nazionale di Md dell’11 dicembre 2021. 

Intervento al Consiglio nazionale di Md

Quale Magistratura democratica

Esiste una saldatura ineliminabile tra un autogoverno legittimato, efficace, virtuoso e trasparente, l’organizzazione degli uffici e la tutela dei diritti, la capacità della giurisdizione di fare giustizia.
Questa saldatura non può essere ignorata, o sottovalutata, anzi, va tenuta ben presente per scegliere quale magistratura vogliamo essere.
Oggi, in particolare, per scegliere quale Magistratura democratica vogliamo essere.

 

Giustizia e riforme in cantiere

Sulle proposte di riforma dell’ordinamento giudiziario e del CSM

Magistratura democratica sente di dover esprimere sin d’ora il suo dissenso più netto rispetto ad una proposta ministeriale che non garantisce un’adeguata rappresentanza di genere, né tantomeno persegue il necessario pluralismo della rappresentanza dei magistrati in Consiglio.