2’MD

Magistratura democratica e NO CAP

Abbiamo incontrato Yvan Sagnet a Pesaro, in occasione del convegno Parole di Giustizia, alla fine dello scorso mese di ottobre.

Con lui abbiamo realizzato un video 2’MD, nel quale ci ha parlato di sicurezza: qualcosa che riguarda i lavoratori, la loro dignità, la loro vita quotidiana.

Yvan Sagnet ci ha poi parlato dell’esperienza di NO CAP: un modo concreto per sottrarre al caporalato, e a forme vere e proprie di nuova schiavitù, i lavoratori dei campi, coloro che sono l’essenza della nostra filiera alimentare, e che noi non vediamo.

Ci è parsa una esperienza da condividere, proporre e sostenere: una iniziativa per aderire alla quale non occorre essere iscritti, né é necessario iscriversi, a Magistratura democratica.

E perché i nostri gesti diventino ancor più significativi, vi chiediamo di mettere in comune il video, segnalandolo ai colleghi: siano essi iscritti o non a Magistratura democratica.

NO CAP promuove concretamente la costruzione di luoghi di lavoro in cui le persone vengono sottratte al caporalato: aziende che assumono regolarmente lavoratrici e lavoratori, privilegiano processi naturali di coltivazione, utilizzano fonti da energie rinnovabili.

NO CAP ha sinora ottenuto l’assunzione regolare di centinaia di lavoratori agricoli, assicurando loro mezzi di trasporto, alloggi, assistenza legale.

In questo breve video, Yvan Sagné ci parla di NO CAP.

Magistratura democratica sostiene questa esperienza di diritti ritrovati.

Qui le indicazioni per acquistare consapevolmente generi alimentari provenienti da aziende agricole in cui il caporalato è sconfitto.

Possiamo partecipare tutti – da magistrati, da cittadini – con gesti anche piccoli, ma mai inutili o superflui: in questo caso, con gli acquisti NO CAP.

E perché i nostri gesti diventino ancor più significativi, vi chiediamo di mettere in comune il video, segnalandolo ai colleghi, iscritti o non a Magistratura democratica: con messaggi che li informino di questa realtà positiva e di come usufruirne, se ritenete comunicando i luoghi e i modi dei vostri acquisti solidali.

Vi chiediamo – e chiediamo a noi stessi – di dare qualcosa, del nostro tempo, della nostra attenzione, ai diritti negati e ai diritti.

Vi diciamo grazie a nome delle donne e degli uomini che attraverso gli acquisti NO CAP potranno lavorare vedendo riconosciuti i loro diritti e la loro dignità.

Vi proponiamo una iniziativa per aderire alla quale non occorre  essere iscritti, né bisogna iscriversi, a Magistratura democratica.

Siamo una associazione di magistrati nella quale non si cerca e non si ottiene alcun vantaggio personale, ma in cui ci si misura con le sfide di un mondo complesso, nel quale immergersi per far sì che i diritti vivano e si estendano.

Quello che riusciamo a interpretare e rappresentare vogliamo metterlo a disposizione di tutta la magistratura.

09/12/2021

Articoli Correlati

2'MD

Le 150 ore: dal lavoro alla scuola


Antonella De Peri, avvocata e negli Anni ‘70-‘80 insegnante di diritto ed economia nei corsi delle 150 ore, ci ricorda l’importanza dello Statuto dei lavoratori e della contrattazione collettiva nel dare ai lavoratori-studenti, la possibilità di utilizzare permessi per accrescere la loro istruzione. 

Le riflessioni di Magistratura democratica

Il diritto di riunirsi e di manifestare: bilanciamenti, regole, senso di responsabilità


Magistratura democratica è un’associazione di magistrati che fa del suo interrogarsi su quale sia il modo migliore di dare difesa ai diritti la sua carta d’identità. In quest’ottica si propone di analizzare i fenomeni prima che si trasformino in processi, affinché il processo non si traduca nel solo luogo di distribuzione di colpe e di ragioni.

2'MD

Cucinare al fresco


Arianna Augustoni, coordinatrice del progetto socio-editoriale ‘Cucinare al fresco’, spiega come è nata questa iniziativa che ha mosso i primi passi nel carcere del Bassone di Como.

2'MD

Un pericolo per l'acqua e i beni comuni


Marco Manunta ci segnala la necessità di preservare i nostri beni comuni. In particolare l’acqua, bene primario per eccellenza, rischia di di finire nelle mani di investitori e speculatori il cui unico fine è il profitto.

Video

Nel campo di San Ferdinando


Il 18 dicembre 2021 un gruppo di magistrati calabresi si è recato in visita alla cosiddetta Nuova Tendopoli di San Ferdinando, in provincia di Reggio Calabria), nel circondario giudiziario di Palmi, vicino a Gioia Tauro.