Ordine pubblico democratico

Editoriale

Ordine pubblico democratico


In questi giorni le notizie di cronaca hanno riportato una serie di episodi che richiamano la nostra attenzione sull’uso legittimo della forza pubblica e sul concetto di ordine pubblico.


A Milano tre agenti della polizia municipale, dopo un breve inseguimento, hanno ripetutamente colpito con il manganello una trans già a terra e con le mani alzate e resa innocua dallo spray urticante; a Livorno un carabiniere ha colpito con un calcio in faccia un ragazzo tunisino, già bloccato a terra da un collega dopo essere stato inseguito per una rapina in un supermercato.

Le indagini chiariranno se sussistono singole responsabilità, ma, in entrambi i casi, sono le immagini riprese con i cellulari dai testimoni che ci autorizzano a non avere dubbi sulla sproporzione di tale uso della forza e ad essere preoccupati per un fenomeno che non appare isolato. E’, infatti, immediato il richiamo a quello che, ormai da qualche tempo, accade durante le manifestazioni di piazza, quelle sindacali come quelle studentesche, quando le contestazioni vengono regolate con cariche di alleggerimento dei reparti di polizia, cui segue l’uso dei manganelli anche quando il gruppo dei manifestanti si è già disperso, oppure a quello che è successo a Palermo, durante le commemorazioni della strage di Capaci, dove al corteo della Cgil e degli studenti è stato impedito con la forza di raggiungere l’albero Falcone in via Notarbartolo perché (così la disposizione della Questura) “non recasse disturbo o altra turbativa alla cerimonia”. Anche in questi casi, come nei primi, è evidente l’uso sproporzionato della forza pubblica, qui per contenere il dissenso o anche solo il pericolo del dissenso, là per contenere la marginalità.

Ebbene è urgente ribadire che l’unico ordine che rende legittimo l’uso della forza pubblica è l’ordine pubblico democratico, ovvero quello che trova propri limiti interni nel rispetto e dalla salvaguardia dei principi fondamentali della Costituzione, primi fra tutti il rispetto della persona umana e della sua libertà e dignità, il rispetto della libertà di manifestazione di pensiero e quello della libertà di riunione. E’, quindi, legittimo l’uso della forza pubblica solo come soluzione residuale e strettamente necessaria per impedire che siano aggrediti beni comuni o personali protetti dall’ordinamento, mentre si pone al di fuori dei limiti costituzionali l’uso della forza pubblica diretto a punire le marginalità sociali o a controllare il dissenso o a prevenire il conflitto sociale. 
Allo stato democratico non è dato ricorrere alla violenza laddove è in gioco il rispetto della dignità umana e delle libertà politiche e sociali. Chiunque deve poter confidare che alle proprie azioni conseguirà una pena prevista dalla legge solo se la sua condotta sarà riconosciuta illecita a seguito di un giusto processo. Chiunque deve poter confidare che non sono ammesse dalla legge pene corporali.

31/05/2023

Articoli Correlati

Comunicati

Disciplinare a tutti i costi


Poco più di un anno fa il ministro Nordio chiese alla Procura Generale di promuovere un’azione disciplinare nei confronti di un collegio di giudici di Milano che avevano sostituito la misura della custodia cautelare in carcere con la misura degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico nei confronti di un cittadino russo, poi evaso.

Comunicati

Domani potrebbe essere qualunque magistrato


Il Consiglio superiore della magistratura ha deliberato di non riconoscere la settima valutazione di professionalità a Emilio Sirianni. 

Comunicati

La Festa della Repubblica, i pericoli per la Repubblica


Il 2 giugno 1946 gli italiani e, per la prima volta, le italiane andarono alle urne e scelsero la Repubblica. Le frontiere di questa nuova patria erano state tracciate dalla Resistenza e furono poi messe in sicurezza dalla Costituzione. Non si tratta dei confini territoriali, perché la Repubblica nata dalla lotta al nazifascismo si è da subito dichiarata terra d’asilo per tutti gli stranieri ai quali nei paesi di origine è impedito l’esercizio delle libertà democratiche e ha consentito le limitazioni di sovranità necessarie a creare un ordinamento internazionale di pace e giustizia. Due guerre mondiali avevano insegnato che ogni frammento della Terra doveva essere casa per qualsiasi essere umano.

Comunicati

Sui rapporti tra attività d’indagine e inchieste parlamentari


Abbiamo appreso, da organi di stampa, che la Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie ha richiesto, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova, gli atti del procedimento che ha condotto, tra l’altro, all’applicazione di una misura custodiale domiciliare nei confronti del Presidente della Giunta della Regione Liguria. 

Comunicati

A sostegno dei magistrati della Procura e della Corte penale internazionale


Lo Statement emesso il 20 maggio 2024 dal Procuratore presso la Corte penale internazionale, con il quale annuncia di avere depositato alla sezione predibattimentale della Corte la richiesta di mandati d’arresto relativi alla situazione dello Stato palestinese, è stato oggetto di un fuoco di fila politico-mediatico di fronte al quale Magistratura democratica, come associazione indipendente di magistrati, non può tacere.